Cronaca Centro storico

Negozi aperti: anche a Trento domeniche con serrande alzate

I negozi della città di Trento potranno rimanere aperti domenica 20 gennaio, 27 gennaio e 3 febbraio. Lo ha deciso la giunta comunale alla luce della sentenza della Consulta che ha stabilito la competenza statale

I negozi della città di Trento potranno rimanere aperti domenica 20 gennaio, 27 gennaio e 3 febbraio, ampliando in questo modo l'offerta turistica invernale. La decisione, assunta dalla giunta comunale, si inserisce nella complessa e delicata vicenda della definizione della ripartizione di competenza in materia di commercio tra legislatore nazionale e provinciale. La Corte Costituzionale si è pronunciata infatti sui ricorsi presentati da Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Sardegna, Piemonte, Lombardia, Sicilia, Toscana e Lazio che con motivazioni diverse hanno sollevato la questione di legittimità costituzionale del Decreto Salva Italia, con riferimento in particolare al tema della disciplina degli orari e delle chiusure/aperture degli esercizi commerciali. La Consulta, però, ha dichiarato inammissibili e infondati tutti i ricorsi delle diverse Regioni, comprese quelle a statuto speciale, in quanto la norma statale attua un principio di liberalizzazione e si inquadra nell'ambito della materia “tutela della concorrenza”, di competenza esclusivamente statale. Con nota dell'8 gennaio scorso l'assessore Alessandro Olivi ha comunicato che la Provincia autonoma di Trento sta approfondendo il pronunciamento della Corte e ha ricordato che in questa fase i Comuni possono porre in essere interventi idonei ad ampliare la facoltà di apertura degli esercizi commerciali. La Giunta comunale ha quindi ritenuto opportuno confermare la scelta già a suo tempo formalizzata, individuando le ulteriori tre giornate di deroga, in attesa di un'auspicata rapida definizione giuridico/istituzionale dei rapporti fra l'ordinamento statale e provinciale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Negozi aperti: anche a Trento domeniche con serrande alzate
TrentoToday è in caricamento