La lettera di Giovanna Giugni: "Luci e ombre sull'ex mensa universitaria"

"A Trento ci sono ancora troppe contraddizioni: dietro i mercatini si nascondono spazi di degrado e di abbandono" così la consigliera comunale Giovanna Giugni che fa riferimento all'occupazione dell'ex mesa di Lettere ma anche all'ex Questura, al "buco" Tosolini, al carcere asburgico...

Riceviamo e pubblichiamo una lettera della consigliera comuale Giovanna Giugni riguardo al dibattito sugli spazi pubblici e privati di Trento abbandonati al degrado. La lettera prende le mosse dall'occupazione da parte di un collettivo di studenti dell'ex mensa universitaria S. Chiara, abbandonata da 8 anni, e prosegue citando altri spazi che sono tutt'ora abbandonati, sotto gli occhi di tutti...

L'occupazione degli spazi abbandonati della mensa al Centro Santa Chiara mette in evidenza quanto emerso durante il dibattito consiliare sugli uffici comunali in via S.Giovanni Bosco. Il Centro della città è ricco di contraddizioni, che non si nascondono con i mercatini di Natale o con le strutture delle Universiadi. A Trento ci sono spazi di degrado e di abbandono in edifici pubblici di pregio: il carcere asburgico, il "buco Tosolini", la mensa del centro S.Chiara, l'ex questura, e piccoli scempi di grande impatto visivo, come  l'edicola abbandonata nei pressi della roggia delle Canossiane.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' vero, mancano i soldi per i restauri e per alcuni di questi spazi i progetti già esistono. Tuttavia in un momento così difficile sarebbe bene che la città attingesse alle risorse più creative: un concorso di idee riservato ai giovani professionisti del territorio per gli spazi da restaurare e, ad esempio, lo stop temporaneo per "lavori in corso" al Festival dell'Economia, destinando al recupero urbano ogni singolo euro impegnato per il festival stesso. Economia significa "regola per la gestione e la cura della casa" e Trento è la nostra casa. Meritiamo di averla funzionale, vivibile, accogliente per tutti, in ogni mese dell'anno.Senza coprire con luci artificiali i troppi angoli bui che non le rendono giustizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • M49 e JJ4: online la mappa per sapere dove sono

  • Dopo il caldo arrivano i temporali (anche forti): le previsioni per il weekend

  • 'Carne coltivata', è trentina l'unica azienda a occuparsene in Italia

  • Via Belenzani "bombardata": ecco le foto (ed il motivo)

  • Covid: tre dipendenti contagiati, albergo in "quarantena"

  • Migliaia di metri cubi di fango, roccia e alberi franano in valle: intervengono protezione civile e vigili del fuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento