rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Celebrazioni

Vigili del fuoco, Corpo permanente: +9,5% interventi in un anno

Tutti i dati dell'ultimo anno sono stati comunicati durante la cerimonia di Santa Barbara

Quasi 8mila, per l'esattezza 7.986, gli interventi effettuati dal Corpo permanente dei Vigili del fuoco di Trento nell’ultimo anno. Il dato, in crescita del 9,5% rispetto al 2021, è stato comunicato durante la cerimonia di Santa Barbara, protettrice dei vigili del fuoco, organizzata per domenica 4 dicembre, nella caserma di via Secondo da Trento. 

Santa Barbara 2022

Tra le migliaia di interventi, ci sono anche le missioni realizzate dal Nucleo elicotteri, che ammontano a 3.233 (per un totale di 1.952 ore di volo), di cui 2.066 per soccorsi primari sanitari. A illustrare i numeri, è stata la comandante Ilenia Lazzeri.

I numeri

Nel periodo compreso tra settembre 2021 e agosto 2022, il Corpo permanente è stato chiamato tra le altre cose a gestire 383 incendi, 1.863 soccorsi tecnici urgenti e 191 soccorsi a persona. Nello specifico, gli interventi per incendio e principio d’incendio sono aumentati di circa il 25% rispetto ai dodici mesi precedenti e del 18% rispetto alla media degli ultimi 20 anni.

"Un dato che deve far riflettere su quanto sia importante continuare a investire nella prevenzione, oltre che nella progettazione, installazione e manutenzione a regola d’arte di impianti termici, camini e impianti elettrici" ha osservato il comandante del Corpo, nonché dirigente del Servizio antincendi e Protezione civile, Lazzeri. Alla cerimonia ha preso parte il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, oltre al commissario del Governo Gianfranco Bernabei, al sindaco di Trento, Franco Ianeselli e all’assessore regionale Lorenzo Ossanna. Nella rimessa, che ha ospitato la messa celebrata dal vicario generale del vescovo, don Claudio Ferrari, erano peraltro presenti i rappresentati della Federazione dei Vigili del fuoco volontari e di tutte le altre realtà della Protezione civile trentina, con cui il Corpo permanente collabora.

"Negli ultimi anni il Trentino ha vissuto diverse situazioni di emergenza, che il Corpo permanente con le altre componenti del sistema di Protezione civile ha saputo affrontare con grande professionalità, impegno e passione" sono state le parole del presidente Fugatti.

La celebrazione è cominciata, come di consuetudine, con lo schieramento, nel piazzale interno alla caserma, del Corpo permanente e la presentazione della forza alle autorità. A seguire, una corona d’alloro è stata deposta davanti alla lapide dedicata ai Vigili del fuoco caduti per causa di servizio.

Durante il suo intervento, il presidente Maurizio Fugatti ha ricordato i principali eventi che hanno visto impegnati i Vigili del fuoco nell’ultimo anno: dal crollo del seracco della Marmolada, agli smottamenti dell’Alta Val di Fassa, fino all’incendio della discarica di Ischia Podetti.

"Si tratta di interventi che - ha detto il presidente -, nella loro straordinarietà, hanno confermato alla comunità trentina il ruolo che svolgete a garanzia della sicurezza dei cittadini. A nome di tutti i trentini vi esprimo dunque gratitudine e stima, perché pur correndo rischi non indifferenti, intervenite sempre e comunque al servizio di chi sta vivendo dei momenti di difficoltà, in sinergia con tutti i settori operativi delle altre realtà del territorio. L’Amministrazione provinciale continuerà ad assicurarvi la propria vicinanza, investendo in formazione e innovazione tecnologica, per affrontare le nuove sfide di fronte alle quali i cambiamenti climatici ci pongono".

Il Corpo permanente dei Vigili del fuoco ha come primo territorio di competenza quello della città di Trento, ma come è stato ricordato fondamentale è la collaborazione con gli altri Corpi che fanno capo alla Federazione dei Vigili del fuoco volontari, che ieri hanno celebrato Santa Barbara in piazza Duomo. Una unione di forze, che facilita la gestione delle emergenze.

"In un contesto di ‘permacrisi’, neologismo che ha il significato di crisi permanente, i Vigili del fuoco quali eroi di prossimità rassicurano con la loro presenza l’intera comunità. Sappiamo di poter contare su un sistema di Protezione civile organizzato ed efficiente. Di questo vi ringraziamo" ha affermato il sindaco di Trento, Franco Ianeselli.

Nel portare il saluto del dirigente generale del Dipartimento Protezione civile, foreste e fauna, Raffaele De Col, il comandante Ilenia Lazzeri ha evidenziato come sinergia, collaborazione e sussidiarietà siano caratteristiche che contraddistinguono il sistema trentino.

"Operiamo in un territorio complesso, che richiede una capacità di intervento sempre più poliedrica, specialistica, flessibile e tecnologica" ha puntualizzato, citando l’importanza della formazione, attività coordinata dalla Scuola provinciale antincendi. Dopo l’inevitabile calo legato alla pandemia, la didattica è ripresa a pieno ritmo, tanto da essere aumentata del 54%.

Dopo aver ringraziato i colleghi che hanno raggiunto il traguardo della pensione, il comandante ha rivolto un sincero augurio di buona Santa Barbara a tutti i Vigili del fuoco del Trentino, permanenti e volontari: "Componenti complementari e indispensabili della nostra autonomia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili del fuoco, Corpo permanente: +9,5% interventi in un anno

TrentoToday è in caricamento