Trento, preso un latitante dopo un anno di indagini

Il 30enne deve scontare una pena detentiva di un anno e un mese, emessa dal Tribunale di Trento, a settembre dello scorso anno

Dopo un anno di indagini, martedì 3 novembre i carabinieri di hanno arrestato un latitante a Trento. L'ininterrotta indagine, messa in atto per rintracciarlo, è stata condotta con tutte le tecniche disponibili e nelle fasi conclusive si è avvalsa anche della collaborazione della polizia locale di Trento. I militari sono stati impegnati in articolati servizi di osservazione e pedinamento, nei luoghi usualmente frequentati dal latitante e dopo un anno di lavoro gli sforzi profusi sono stati premiati.

L'uomo è F.P. un 30enne senza fissa dimora e pluripregiudicato per reati contro il patrimonio che, dopo essere stato condannato per ulteriori delitti, si è reso irreperibile per oltre un anno. Il cerchio attorno a lui si è chiuso alle 13 di martedì 3 novembre dopo che il personale delle Sezioni Operativa e Radiomobile di Trento lo ha rintracciato nella periferia nord di Trento a bordo di una moto da strada di grossa cilindrata. Controllato dai militari, l'uomo è stato inequivocabilmente riconosciuto e fermato. Il 30enne deve scontare una pena detentiva di un anno e un mese, emessa dal Tribunale di Trento, a settembre dello scorso anno e ora si trova al carcere di Spini di Gardolo, mentre il veicolo, di proprietà di terzi e privo di copertura assicurativa, è stato sequestrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

Torna su
TrentoToday è in caricamento