rotate-mobile
Il fatto / Altipiani Cimbri / Localita' Acquaviva

Ultraleggero finisce nell'Adige: cos'è successo

Un atterraggio di fortuna, pare, nella zona di Acquaviva. Salve le persone che si trovavano all'interno

Un atterraggio di fortuna nelle acque dell'Adige per un ultraleggero, nella mattinata di venerdì 26 agosto, all'altezza di Acquaviva, a Trento. La chiamata con la richiesta di intervento è arrivata intorno alle 10 di venerdì mattina. Sono intervenuti i vigili del fuoco di Trento e i sanitari. Non ci sarebbero feriti, le persone che si trovavano all'interno dell'ultraleggero sarebbero infatti riuscite a uscire autonomamente ed arrivare a riva.

L'aggiornamento della PaT 

"Senza particolari conseguenze, confermano da Trentino Emergenza 118, l’atterraggio per i due occupanti dell’ultraleggero che questa mattina (venerdì 26 agosto) è finito nel fiume Adige a sud dell’aeroporto di Mattarello - si legge nella nota dell'ufficio stampa della PaT -. Le due persone hanno raggiunto autonomamente la riva. Sul posto, dopo la chiamata giunta alla centrale operativa poco dopo le ore 10, sono intervenuti i vigili del fuoco del Corpo permanente di Trento e i volontari di Mattarello. Inoltre, sono stati attivati i vigili del fuoco volontari di Besenello per fornire supporto alla viabilità, in particolare sulla pista ciclabile coinvolta nelle operazioni di soccorso. Sul posto anche le forze di polizia, il personale di Trentino Emergenza oltre al personale di Trentino Trasporti per l’aeroporto Caproni. Sono in corso accertamenti oltre alle attività necessarie al recupero dell’ultraleggero".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ultraleggero finisce nell'Adige: cos'è successo

TrentoToday è in caricamento