rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Presunti abusi in Diocesi: raccolte tre segnalazioni

Il nuovo Rapporto Servizio Tutela Minori è stato reso pubblico. Coinvolti religiosi in due casi, l'altro presunto abuso riguarda un sacerdote. Approfondimenti in corso

La Diocesi di Trento, nella mattinata di giovedì 3 febbraio, ha reso pubblico il "Rapporto Servizio Tutela Minori (2020-2021)" dal quale sono state raccolte 3 segnalazioni. 

La nota

La nota arrivata in redazione giovedì mattina:

"Il Servizio Tutela Minori della Diocesi di Trento, istituito ufficialmente il 2 aprile 2019, rende pubblico il Rapporto sull’attività condotta negli ultimi venti mesi (aprile 2020 - dicembre 2021). Mesi complessi, segnati dal prorompere dell’emergenza sanitaria, ma nel corso dei quali il Servizio Diocesano ha proseguito il proprio impegno, con un duplice mandato.

I Referenti del Servizio don Stefano Zeni e don Tiziano Telch, insieme alla Responsabile del Centro di Ascolto, la psicologa Barbara Facinelli e al Tavolo degli Esperti (composto da tredici membri con professionalità afferenti agli ambiti psico-socio-pedagogico, medico e legale) hanno operato innanzitutto sul terreno della prevenzione. A questo proposito è stato organizzato un incontro formativo rivolto ai responsabili delle attività degli oratori parrocchiali, per favorire la cultura diffusa dell'importanza di uno stile relazionale consapevole quale mezzo per la prevenzione, ponendo la massima attenzione ai minori e al loro benessere.

Un secondo mandato del Servizio è legato alla raccolta di segnalazioni, attraverso il Centro di Ascolto, da parte di coloro che, in ambito ecclesiale, dovessero aver subito un abuso, comprendendo con questo termine qualsiasi forma: sessuale, fisico, psicologico, di coscienza, morale.

Il Centro di Ascolto ha raccolto, nel periodo indicato, tre segnalazioni di presunti abusi. In due di queste sarebbero stati interessati dei religiosi, nella terza un sacerdote della Diocesi di Trento. I primi due casi sono stati trasmessi al competente Superiore dell’Ordine religioso di appartenenza, per la relativa presa in carico. Circa il sacerdote diocesano, pur trattandosi di fatti lontani nel tempo, l’Ordinario diocesano ha prontamente provveduto agli approfondimenti del caso, secondo quanto previsto dalle norme canoniche.

Ciascuna delle situazioni pervenute al Centro di Ascolto è stata dunque presa in carico e sono stati valutati gli specifici bisogni e le tipologie di servizi che potessero al meglio rispondere alle necessità delle persone coinvolte.

Accanto a queste segnalazioni, un’altra persona si è rivolta al Centro d’Ascolto chiedendo un sostegno psicologico di altra natura: la persona è stata indirizzata e accompagnata attraverso servizi che potessero rispondere adeguatamente alla sua richiesta di appoggio.

Il Tavolo degli Esperti è sempre stato a disposizione della Responsabile del Centro di Ascolto per offrirle, in caso di necessità, un supporto professionale e competente. I membri del Tavolo hanno focalizzato la loro attenzione e le loro energie sullo studio delle nuove linee guida Cei e sulla preparazione di percorsi formativi di ambito da poter proporre alle parrocchie (in particolare negli oratori) per affrontare al meglio il tema dell’abuso, dei confini e del rispetto della persona; la proposta formativa è stata pensata tenendo assieme aspetti sociali, pedagogici, psicologici e legali.

La responsabile del Centro di Ascolto ha partecipato alle riunioni del gruppo di lavoro del Servizio Regionale Tutela Minori del Triveneto, una serie di appuntamenti che rappresentano un’importante occasione di confronto costante e qualificato con quanti si occupano di queste tematiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presunti abusi in Diocesi: raccolte tre segnalazioni

TrentoToday è in caricamento