rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Centro storico / Piazza Dante

Ferrovia delle Dolomiti, Dorfmann: "Senza Trento e Austria il progetto è inutile"

L'europarlamentare altoatesino chiede il coinvolgimento di Trento e Vienna nell'accordo che verrà firmato tra la Provincia di Bolzano e la Regione Veneto: "Non è il momento di giocare al ribasso, è il momento di fare il colpo grosso". La BEI potrebbe stanziare i fondi necessari

Ai territori dolomitici serve un anello ferroviario, non un progetto monco. Così l'europarlamentare del Trentino Alto-Adige Herbert Dorfmann ha commentato la notizia dell'accordo tra la Provincia autonoma di Bolzano e la Regione Veneto per un collegamento ferroviario tra la Val Pusteria ed il Cadore. La firma dell'accordo è prevista nei primi giorni di gennaio 2016, ma non sarà il "progetto rivoluzionario", come l'ha definito Dorfmann, dell'ipotizzato Anello delle Dolomiti, non senza il coinvolgimento, con un uguale accordo, della Provincia autonoma di Trento e dell'Austria.

"Solo così si potrà ragionare su un percorso rotabile realmente utile, funzionale e sostenibile economicamente - spiega l'europarlamentare in una  nota -. Se si dialoga con tutte le realtà alpine interessate, si potranno percorrere diverse vie per il finanziamento della progettazione e della realizzazione. La fase di progetto potrebbe contare sui fondi Interreg e sui fondi di confine, mentre i lavori potrebbero trovare risorse nel fondo EFSI, più conosciuto come “piano Juncker”: 16 miliardi di euro per la Banca di Investimenti Europea, in grado di creare garanzie per investimenti e prestiti a sostegno di progetti pubblici e privati di media-grande dimensione”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrovia delle Dolomiti, Dorfmann: "Senza Trento e Austria il progetto è inutile"

TrentoToday è in caricamento