rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Centro storico / Via Lavisotto

Treni diesel accesi di notte vicino alle case, Gilmozzi: "Inevitabile"

Dopo la causa vinta da una famiglia contro la Provincia il consigliere Degasperi chiede se la sentenza sia rispettata

Treni diesel accesi anche di notte vicino alle case, contrariamente alle norme. E' questa la denuncia del consigliere del Movimento Cinque Stelle Filippo Degasperi che ha presentato una domanda all'assessore Gilmozzi nel question time di ieri in consiglio  provinciale. Gilmozzi ha risposto affermando che la sentenza del 2013 impone che dalle 22 e 30 alle 7 i treni debbano stare fermi e avviare i motori sul binario più lontano.

La sentenza della Corte d'Appello di Trento, ha spiegato l'assessore, viene rispettata per la Valsugana, ma il preriscaldamento dei treni è inevitabile per attivare i sistemi di controllo di bordo. I rumori più forti sono provocati dagli sfiati dei freni. Servirebbe una zona apposita, magari coperta, nella zona Filzi, e si sanno cercando risposte col Comune di Trento. L'officina che si sta appaltando in questi giorni, ha detto infine Gilmozzi, potrebbe anche fungere per questo scopo. 

Il consigliere Degasperi ha replicato che queste affermazioni non sono vere. I treni diesel vengono accesi alle 3 per due ore e mezzo, perché, come si legge nelle risposta ad un'interrogazione appena arrivata, i passeggeri possano trovare un ambiente confortevole. In particolare i treni della Pat sono stati spostati semplicemente di 200 metri, quindi la sentenza è stata rispettata solo per la famiglia che ha fatto causa, ma il problema rimane per tutti gli altri abitanti della zona. La sentenza, ha ricordato infine, dice semplicemente che i treni diesel non si possono accendere dalle 22.30 alle 7 e basta.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treni diesel accesi di notte vicino alle case, Gilmozzi: "Inevitabile"

TrentoToday è in caricamento