menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trekking urbano alla scoperta delle città italiane

Prima edizione in primavera, con 17 città coinvolte e l'approdo su Facebook per informarsi e scambiarsi opinioni. Sono queste le novità della nona edizione della "Giornata nazionale del Trekking urbano"

Prima edizione in primavera, con 17 città coinvolte e l'approdo su Facebook per informarsi e scambiarsi opinioni. Sono queste le novità della nona edizione della "Giornata nazionale del Trekking urbano", presentata in una conferenza stampa a Trento dall'amministrazione comunale, insieme alla città capofila, Siena.

L'obiettivo è offrire una giornata per visitare la propria o un'altra città rigorosamente a piedi, lungo percorsi studiati per riscoprirne la storia, le bellezze e rigenerarsi con una passeggiata. L'appuntamento è il 21 aprile, ma resta anche la tradizionale data autunnale, fissata per il 27 ottobre. Tema scelto per la Giornata di primavera è "Acqua: matrice di vita". Informazioni e curiosità sul sito Internet www.trekkingurbano.info. 
 
Per celebrare il primo dei due appuntamenti di quest’anno con la Giornata Nazionale del Trekking Urbano, sabato 21 aprile, l’APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi propone in collaborazione con il Comune di Trento un evento accessibile a tutti (costa 12 euro) per riscoprire l’antico corso del fiume Adige e delle rogge di Trento.
 
Partenza alle ore 14.30 (in più turni) dall’ufficio informazioni dell’Azienda per il Turismo di Trento, per un itinerario guidato di trekking urbano di circa 3 km che, attraversando la città, si conclude con una puntata alla mostra DiVinNosiola, che celebra le eccellenze enologiche del territorio.
 
Il primo appuntamento è con la Torre Verde, edificata sulle rive dell'antico corso del fiume Adige e adibita in periodo medievale a carcere e prigione. Un fiume importante, l’Adige, il secondo d’Italia per lunghezza: proprio nei pressi della torre sorgeva il porto commerciale, dove le merci provenienti in prevalenza da Lombardia e Veneto venivano scambiate o vendute nei mercati rionali. 
 
Attraversata l’antica contrada tedesca, si raggiunge Largo Porta Nuova dove è visibile una delle rogge di Trento, motore energetico della città prima dell’avvento dell’elettricità, che consentiva l’attività dei mulini, serviva le concerie e prestava acqua alle lavandaie. 
 
Passaggio successivo dalla policroma Piazza Duomo per arrivare alla Torre Vanga, edificata nel 1210 dal principe vescovo Federico Vanga, anch'essa un tempo lambita dal corso dell'Adige.
 
L'ultimo tratto del percorso prevede l’attraversamento del fiume per raggiungere l’antico borgo di Piedicastello. Qui sorgono Le Gallerie, originale e moderno polo museale dov'è possibile visitare la mostra DiVinNosiola e degustare un prodotto enologico unico, realizzato oggi secondo tradizione, frutto della dedizione e di un'abilità produttiva che non è improprio definire “arte”. 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La pillola contro il Covid: arriva il vaccino senza puntura

Ultime di Oggi
  • Attualità

    La pillola contro il Covid: arriva il vaccino senza puntura

  • Cronaca

    I dati del coronavirus in Trentino del 9 maggio

  • Attualità

    Viabilità, domenica di code in autostrada

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento