menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltempo: tre interventi in una sera sulle Tre Cime di Lavaredo

Alpinisti in difficoltà, ma anche un'escursionista che non è rientrata dal giro attorno alle Tre Cime

Alpinisti ed escursionisti in difficoltà a causa del maltempo alle Tre Cime di Lavaredo. Il telefono del Soccorso Alpino di Auronzo di Cadore ha suonato per tre volte di seguito nella sola serata di sabato 13 giugno. Alle 19 è arrivata la richiesta di informazioni da parte di due cordate: gli alpinisti, fermi sulla Cengia Grande, chiedevano come arrivare sull'uscita della via dello Spigolo Dibona. Hanno confermato di essere in grado di progredire da soli.

La Centrale ha poi ricevuto una seconda chiamata da una terza cordata, bloccata più in basso, che invece ha chiesto il supporto dei soccorritori. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha quindi imbarcato due tecnici di Auronzo e li ha sbarcati sulla vetta della Cima Grande con un verricello di 15 metri. I soccorritori hanno raggiunto il gruppo e lo hanno scortato fino al rientro dalla via Normale.

Altro allarme alle 20.30 per un'escursionista straniera, cittadina cinese, ritenuta dispersa durante il giro delle Tre Cime, dopo che il marito non l'aveva più vista rientrare. Fortunatamente è stata ritrovata al Rifugio a tarda notte. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Rifugio sommerso dalla neve, i gestori chiedono aiuto ai trentini

Attualità

Chiusa per pericolo valanghe l'area del Mugon sul Monte Bondone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento