Gasolio dal Brennero senza pagare le accise: sette arresti in tutta Italia

Scoperto l'ennesimo traffico di carburanti da parte della criminalità organizzata, il modus operandi è sempre lo stesso

Maxioperazione della Guardia di Finanza di Bressanone contro una banda di contrabbandieri di carburante. Si tratta, purtroppo, dell'ennesimo traffico illecito scoperto al valico del Brennero che vede coinvolte diverse regioni italiane. Anche in questo caso il carburante proviene dall'Est Europa, in particolare dalla Repubblica Ceca. Sette gli arrestati: D. F., 42 anni (residente in provincia di Napoli), P. G., 58 anni (residente in provincia di Salerno), C. C., 53 anni (residente a Settimo Milanese), A. V., 47 anni (residente a Castellammare di Stabia), D. P., 56 anni (residente in provincia di Reggio Emilia), S. V., 48 anni (residente a Cerignola) e I. P., 44 anni (residente a Cerignola).

Nel complesso, risultano indagate 19 persone per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla reiterata commissione dei delitti di contrabbando di prodotti energetici. Sette società italiane e una società della Repubblica Ceca sono state denunciate. In un solo anno, attraverso il valico del Brennero, il sodalizio criminale ha “importato” illegalmente in Italia circa 7 milioni di litri di gasolio.

Il metodo è sempre lo stesso: il gasolio viene spacciato come "lubrificante" al passo del Brennero, in modo da entrare in Italia senza essere soggetto alle accise. Uno "sconto" non da poco, pari a circa il 60%, iva compresa, del prezzo finale. In un anno il guadagno ha superato i 4 milioni di euro. L’organizzazione si è avvalsa di alcune società “cartiere”, in gergo realtà economiche fittizie utilizzate per produrre i documenti necessari. "Si tratta - spiegano i finanzieri - di società prive di qualsivoglia consistenza economica, strutture operative o personale dipendente, a nome delle quali venivano emessi i documenti utilizzati per scortare la merce lungo il viaggio in territorio italiano".

Dall’Italia partivano le autocisterne vuote, che si dirigevano verso un deposito compiacente a Lübben, in Germania, dove veniva caricato il gasolio ceco, classificato come “olio lubrificante”. Le autocisterne piene facevano rientro in Italia, percorrendo un primo tratto su strada, fino alla cittadina austriaca di Wörgl e da qui venivano caricate su rotaia e, attraverso il servizio “Ro.La.” che passa per l'Interporto di Trento. 

Una volta “sbarcati” a Trento, i conducenti delle autocisterne distruggevano le lettere di vettura e proseguivano il viaggio verso un deposito commerciale nell’hinterland milanese. Durante questo tragitto, la merce veniva nuovamente classificata come “gasolio” salvo poi essere rivenduta per rifornire dei distributori non rientranti nel circuito delle grandi marche, alcuni dei quali di proprietà degli stessi componenti dell'organizzazione criminale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio perchè non si tratta del primo episodio la Guardia di Finanza di Trento si è attrezzata con un nuovo strumento investigativo: da alcuni mesi, il Comando Regionale Trentino Alto Adige ha avviato la sperimentazione di un “test speditivo” sviluppato dall’Università degli Studi di Trento, che, in base al tipo di reazione manifestata, permette di riconoscere immediatamente il prodotto trasportato. Un'analoga operazione venne condotta, con buon esito, lo scorso febbraio: vi furono 49 denunciati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Freddo intenso, anche 10° sotto la media: il riscaldamento si può già accendere

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

  • Cervo investito sulla statale: "In quel tratto succede una volta al mese"

  • Coronavirus, un altro studente positivo: classe in quarantena e lezioni online

  • Camion blocca l'ambulanza su una strada di montagna: "E' l'ennesima volta, ora basta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento