rotate-mobile
Cronaca Bedollo / rifugio Tonini

Una raccolta fondi per far rivivere il rifugio Tonini

Solidarietà ai gestori da parte della Sat di Pinè e dei tanti amici del rifugio, distrutto da un incendio il 29 dicembre

Una raccolta fondi per far tornare il rifugio Tonini com'era prima, al più presto. L'idea è partita dai tanti amici del rifugio e dai soci della Sat di Pinè, dopo il furioso incendio, partito da una canna fumaria difettosa, che il mattino del 29 dicembre ha devastato il rifugio. Il "Tonini", gestito da Hana Poncikova e Narciso Casagranda, era un punto di riferimento per tutti gli amanti della montagna, e per la comunità locale. I sindaci di Bedollo e di Pinè hanno emanato un'ordinanza con la quale i sentieri che conducono al rifugio resteranno chiusi fino a domani, 3 gennaio 2017. Chiuso anche il bivacco invernale situato vicino al rifugio, e risparmiato dalle fiamme.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una raccolta fondi per far rivivere il rifugio Tonini

TrentoToday è in caricamento