Tenta il suicidio con un coltello a 15 anni: salvata dai carabinieri

Aveva un coltello da cucina in mano, rivolto contro se stessa. I militari hanno iniziato a parlare con la 15enne per calmarla. Dopo essersi sfogata, piangendo e minacciando di farsi del male, la ragazza si è tranquillizzata

Ore di apprensione, quelle trascorse qualche giorno fa in Valsugana, dopo che al numero unico di emergenza 112, è arrivata la chiamata di una ragazza che all’operatore, riferiva di volersi togliere la vita. Era alterata, confusa, impossibile trattenerla al telefono, piangeva, chiudeva la comunicazione. Inutili i tentativi di ripristinare la comunicazione da parte dell'operatore. Presso la centrale dei carabinieri iniziava una frenetica attività di ricerca della giovane  attraverso il numero di cellulare utilizzato per la telefonata. Grazie alla radiolocalizzazione, è stata individuata la zona tra i comuni di Levico, Pergine e Caldonazzo. Nel frattempo, dai carabinieri, si è presentata anche la madre della ragazza, per denunciare l’allontanamento della figlia. Dopo circa un’ora, un equipaggio del Nucleo Radiomobile ha comunicato via radio di aver trovato la giovane, che aveva un coltello da cucina in mano, rivolto contro se stessa. I militari hanno iniziato a parlare con la 15enne per calmarla. Dopo essersi sfogata, piangendo e minacciando di farsi del male, la ragazza si è tranquillizzata, ha consegnato il coltello ai carabinieri, ed è stata accompagnata in ospedale, dove è stata raggiunta dalla madre.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tornano le domeniche gratis nei musei e nei castelli

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

  • Torna l'obbligo di pneumatici invernali

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

  • Cosa fare nel weekend: tutti gli eventi

Torna su
TrentoToday è in caricamento