Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

L'episodio è avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì a Pergine Valsugana. Sul posto 118 e carabinieri

Un ragazzo italiano di 26 anni ha cercato di togliersi la vita accoltellandosi all'interno della sua auto. È accaduto a Pergine Valsugana nella notte tra giovedì 20 e venerdì 21 febbraio, verso le 2:30. Sul posto sono accorse due ambulanze e un'automedica di Trentino Emergenza, oltre a una pattuglia dei carabinieri di Pergine.

A chiamare i soccorsi, solo dopo essersi colpito più volte con un coltello, è stato lo stesso giovane. Fondamentale la tempestività con cui sono arrivati i soccorritori, che hanno prestato le prime cure sul posto per poi trasportare il ragazzo all'ospedale Santa Chiara di Trento.

Le lesioni riportate dal 26enne, tra cui una al polmone, sono comunque profonde: al momento si trova ricoverato nel reparto di rianimazione in gravi condizioni. Ad effettuare i rilievi di legge sul posto i militari. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dove e come chiedere aiuto

Parlare di suicidio non è semplice. Se stai vivendo una situazione di emergenza puoi chiamare il 112. Se sei in pericolo o conosci qualcuno che lo sia puoi chiamare il Telefono Amico al numero 199 284 284 oppure online (qui), dalle 10 alle 24. Altrimenti puoi rivolgerti a  A.M.A. Auto Mutuo Aiuto di Trento contattando il numero verde gratuito 800 061 650 (attivo dalle sette del mattino all’una di notte) o a Samaritans Onlus che risponde al numero verde gratuito 800 86 00 22 (da telefono fisso o al numero 06 77208977)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

Torna su
TrentoToday è in caricamento