menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le riprese delle telecamere installate in città sono utili, come in questo caso, anche per cercare un rapinatore in fuga

Le riprese delle telecamere installate in città sono utili, come in questo caso, anche per cercare un rapinatore in fuga

Sicurezza: a Trento saranno installate altre 177 telecamere di sorveglianza

Da due anni il Comune ha iniziato ad estendere la rete dati comunale anche ai sobborghi, in parte in fibra ottica ed in parte con tecnologia wi-fi, con il fine, tra l'altro, di consentire l'installazione di telecamere anche nei sobborghi

Nuovo impegno sul fronte della sicurezza da parte dell’amministrazione comunale di Trento. In arrivo infatti 177 telecamere che integreranno la rete di controllo collegata con le centrali di polizia, carabinieri e polizia municipale. Il progetto, d’accordo con il commissariato del Governo, costerà 430 mila euro. Sono per ora 470 le telecamere che sorvegliano Trento, 53 i server di registrazione immagini. Una rete posizionata dal Comune su indicazione del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza. Nel giro di tre anni il numero di telecamere attive crescerà fino a 600. Finora infatti il loro posizionamento era limitato per ragioni tecniche alle zone raggiunte dalla fibra ottica, sostanzialmente in centro città.

Da due anni il Comune ha iniziato ad estendere la rete dati comunale anche ai sobborghi, in parte in fibra ottica ed in parte con tecnologia wi-fi, con il fine, tra l'altro, di consentire l'installazione di telecamere di videosorveglianza anche nei sobborghi. L'intervento è stato suddiviso su un periodo di 3 anni e prevede l'installazione di 115 nuove telecamere digitali ad alta risoluzione, tutte posizionate nei sobborghi cittadini. Sono già state installate sono state installate 9 telecamere nel giardino e nel parcheggio di Canova, 6 nel giardino di casa Pedrolli, nella piazza e nella rotatoria tra via Feininger – via Don Milani (circoscrizione di Gardolo), 10 a Cognola, in piazza dell'Argentario, 6 nel giardino di Martignano tra via dell'Albera e via Maderno, 3 nel giardino e in piazza dei Predaroi a Villamontagna, 4 nel giardino di via Caio Valerio Mariano a Piedicastello, 3 nella piazza di Ravina, 4 nel giardino presso il centro civico in località Vela.

Per il secondo anno è prevista l'installazione di ulteriori 35 telecamere nei seguenti sobborghi: 3 a Spini di Gardolo nel Giardino Pont dei Vodi, 3 nella circoscrizione di Meano, nel giardino Gardolo di Mezzo e in via del Dos de la Luna (zona fermata bus), 4 nel giardino di Mattarello e nel parcheggio di piazza Perini, 4 ancora a Meano nel giardino della Madonnina, in piazza dell'Assunta, nel parcheggio in via delle Sugarine, 4 nel giardino e nel parcheggio di Oltrecastello, 4 a Povo nel giardino di via dei Rivi, in piazza Manci e nel parcheggio della Circoscrizione, 3 nel giardino di Romagnano, 3 nel giardino di San Lazzaro a Gardolo, 3 a Sardagna nel giardino, nel parcheggio via Caduti e in piazza San Filippo e Giacomo, 4 a Villazzano nel giardino di Villa de Mersi e in piazza Monsignor Nicolini. Per il terzo anno è infine prevista l'installazione di ulteriori 35 telecamere, in posizioni in fase di definizione, a Cadine, Gazzadina, Montevaccino, San Donà, San Rocco, Sopramonte, Valsorda, Vigo Meano, Vigolo Baselga.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Attualità

Giovo è in zona rossa, cosa si può fare?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento