rotate-mobile
Cronaca Centro storico / Piazza Dante

Meno controlli alle imprese, Degasperi: "Inaccettabile per certificazioni ambientali"

I controlli non sono tutti uguali: secondo il consigliere provinciale del M5S Degasperi dietro l'obiettivo di razionalizzare i controlli alle imprese, per mezzo di un apposito Tavolo voluto da Ugo Rossi, si nasconderebbe il pericolo di abbassare la guardia su salute e ambiente

Meno controlli alle imprese: è l'obiettivo, positivo, del Tavolo interdipartimentale voluto da Ugo Rossi ed istituito a fine dicembre (clicca qui). Ma dietro la volontà di rendere la vita più facile alle attività economiche, "anche mediante riduzione o eliminazione di controlli" come si legge nella nota della Provincia, si nasconderebbe il pericolo di abbassare la guardia sui controlli che riguardano l'ambiente e la salute.

A richiamare la Giunta su questo aspetto è il consigliere cinque stelle Filippo Degasperi che traccia un parallelo con l'Ilva di Taranto, l'acciaieria tristemente nota per le emissioni di diossina messe in relazione con l'aumento di tumori nella città pugliese. 
"L'Ilva era dotata di certificazione Iso fin dal 2004 - spiega Degasperi - ma se si fossero adottati i criteri della norma concepita dalla Provincia di Trento i controlli per i 9 anni compresi nel periodo di validità della certificazione sarebbero stati del tutto superflui".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meno controlli alle imprese, Degasperi: "Inaccettabile per certificazioni ambientali"

TrentoToday è in caricamento