Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Tagli dei treni congelati, spiragli per la trattativa con il ministero

Trenitalia ha sospeso i tagli già decisi, che si dovevano attuare fra due giorni, inoltre è stata convocata un'altra riunione il 6 di agosto, per continuare il tavolo di confronto

"Stiamo rientrando soddisfatti dalla riunione che si è svolta a Roma: in tempi come questi, in cui il rapporto con lo Stato è improntato, purtroppo, a una forte unilateralità, essere riusciti a riaprire i margini di confronto è stato davvero un risultato importante. Abbiamo ripristinato un metodo di rapporto corretto fra regioni, province autonome, Ministero e Trenitalia e sono stati sospesi i tagli previsti fra due giorni". Queste le parole del vicepresidente della Provincia Alberto Pacher al termine dell'incontro che si è tenuto a Roma, presieduto dall'ingegner Amedeo Fumero, capo dipartimento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e alla presenza di Vincenzo Soprano, amministratore delegato di Trenitalia. Presenti anche  Raffaele De Col, dirigente del Dipartimento lavori pubblici e mobilità, nonché gli amministratori della Provincia autonoma di Bolzano e delle Regioni Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Valle d'Aosta e Sardegna.

"Rientriamo soddisfatti - ha proseguito il vicepresidente Alberto Pacher - perché si è riaperto un terreno di confronto. Siamo arrivati a questa riunione con la prospettiva di tagli lineari: secondo quanto deciso unilateralmente, infatti, fra due giorni ci sarebbe stata la soppressione di una prima coppia di treni Bolzano - Brennero e Brennero - Bolzano e quindi, in settembre, di un'altra coppia sulla tratta Brennero - Bologna, tagli imposti dal venir meno di circa 50 milioni di trasferimenti da parte dello Stato a Trenitalia".
 
Di fronte a questa prospettiva i referenti delle province e delle regioni hanno dato a Trenitalia tutta la propria disponibilità: "Abbiamo ribadito che siamo pronti a farci carico di queste difficoltà, ma non attraverso tagli unilaterali - ha commentato Alberto Pacher -. Vogliamo poter discutere con Trenitalia come e dove attuare le razionalizzazioni per ottenere risparmi".
 
Raggiunto dunque un primo risultato importante: "Trenitalia ha sospeso i tagli già decisi, che si dovevano attuare fra due giorni, inoltre è stata convocata nuovamente presso il Ministero dei Trasporti un'altra riunione, il 6 di agosto, per continuare il tavolo di confronto. Nel frattempo ho preso impegno con i colleghi della Provincia autonoma di Bolzano e delle regioni Emilia Romagna e Veneto di incontrarci prima di questa data per condividere un'impostazione univoca sui treni che ci riguardano direttamente".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli dei treni congelati, spiragli per la trattativa con il ministero

TrentoToday è in caricamento