menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Susanne Kessler

Susanne Kessler

Donna trentina morta in Egitto: si indaga sul convivente

A perdere la vita era stata Susanne Kessler, 42 anni, ripescata ai primi di marzo nel Mar Rosso; una prima ipotesi aveva fatto attribuire il decesso all'attacco di uno squalo. Il fratello di lei ha denunciato l'uomo

Il convivente egiziano di una donna trentina morta a fine febbraio 2011 a Sharm el Sheik è indagato per presunto omicidio. A perdere la vita era stata Susanne Kessler, 42 anni di Cles, ripescata ai primi di marzo nel Mar Rosso; una prima ipotesi aveva fatto attribuire il decesso all'attacco di uno squalo.

Il fratello della donna, Alessandro Kessler, si è affidato ora a un legale del posto, denunciando il convivente della sorella, un certo Malak. "Perché - dice il fratello - l'autopsia non ha chiarito le cause". E in effetti sul corpo della donna c'erano segni di colpi da corpo contundente. La versione del convivente, che aveva detto di averla lasciata sola in spiaggia e di non averla più trovata al ritorno, avrebbe delle falle, a partire dall'idea della donna di lasciarlo.
 
"Prima della morte – aveva spiegato a Repubblica un medico intervenuto sul posto – sono stati inferti un grosso colpo allo zigomo destro e uno, molto forte, sulla nuca. Causato questo da un corpo contundente, probabilmente un bastone o un’asse di legno, che ha provocato una lacerazione di circa 17 centimetri con la conseguente frattura del cramio. Questa pare con tutta evidenza la causa di morte".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento