rotate-mobile
Cronaca Rovereto / Strada Statale 12

Lo stupro al campo profughi va in archivio

Potrebbero essere sospese con un nulla di fatto le indagini riguardo al presunto episodio di violenza sessuale denunciato nella notte del 27 luglio scorso da una giovane mamma di Marco, frazione di Rovereto che ospita il campo profughi della Protezione Civile. I primi sospetti erano ricaduti proprio sui migranti

Potrebbero concludersi con un'archiviazione le indagini sul presunto caso di stupro a Marco di Rovereto. Dopo l'esito negativo del test del dna agli ospiti del centro profughi, nelle cui vicinanze sarebbe avvenuta la violenza, le prove a disposizione sarebbero troppo scarse per portare gli inquirenti ad una conclusione. Il procuratore Aldo Celentano ha dichiarato di voler presentare la richiesta di archiviazione del caso. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo stupro al campo profughi va in archivio

TrentoToday è in caricamento