Stranieri a dormire in cucina: sequestrato garni a Caldes

Al fine di trarne un ingiusto profitto avrebbero alloggiato cittadini privi di permesso di soggiorno in precarie condizioni ambientali ed igienico sanitarie (tra l'altro, pare trasformando in camera una cucina senza riscaldamento)

I carabinieri della stazione di Malè hanno sequestrato un “garnì” di Caldes gestito da una coppia del luogo. I militari, coordinati dal capitano Luca Lombardelli, sono intervenuti in esecuzione di una misura cautelare emessa dal gup di Trento Carlo Ancona su richiesta del pm Licia Scagliarini.L’eventuale condanna farebbe scattare la confisca dell’immobile.

Entrambi i coniugi sono indagati perché, in qualità di gestori e proprietari della struttura ricettiva, avrebbero alloggiato a titolo oneroso, al fine di trarne un ingiusto profitto, cittadini extracomunitari privi di permesso di soggiorno. Queste persone sarebbero state alloggiate in precarie condizioni ambientali ed igienico sanitarie (tra l’altro, pare trasformando in camera una cucina senza riscaldamento).
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nei boschi di Pinè: cacciatore spara agli amici

  • Trento, accoltellato dalla fidanzata: ragazzo soccorso per strada e trasportato in ospedale

  • Le migliori osterie del Trentino secondo Slow Food

  • Camion bloccato dalla neve: arrivano i Vigili del Fuoco con l'autogru

  • Guida Michelin 2020: ecco i ristoranti "stellati" in Trentino

  • Pioggia e neve: allerta meteo della Protezione Civile per le prossime 48 ore

Torna su
TrentoToday è in caricamento