Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Stese con un pugno l'arbitro, due anni e mezzo di squalifica

Duro il provvedimento emesso dal giudice sportivo nei confronti di Sebastiano Zanolini, che non potrà tornare a giocare fino al 23 dicembre 2019. Dopo l'espulsione venerdì scorso aveva aggredito il giudice di gara

Due anni e mezzo di squalifica: un provvedimento esemplare quello emesso dal giudice sportivo nei confronti di Sebastiano Zanolini.

Il giocatore del Toros Locos di Tuenno, venerdì scorso durante il secondo tempo della partita di clacio a 5 di serie C2 tra la squadra nonesa e l'Ischia ha aggredito il direttore di gara Stefano Plotegher colpendolo al volto con due mani.

L'arbitro cadendo all'indietro ha sbattuto la testa sul terreno di gioco ed è stato trasportato con l'ambulanza all'ospedale di Cles per accertamenti.

Il verdetto della giustizia sportiva è stato netto: 33 mesi di squalifica fino al 23 dicembre del 2019. Sebastiano Zanolini dopo una lunga serie di proteste in seguito ad un contrasto era stato ammonito per la seconda volta dall'arbitro: da qui la reazione violenta.

Ora il direttore di gara Stefano Plotegher potrebbe anche percorrere la strada della giustizia ordinaria. Intanto la squadra nonesa ha sette giorni per presentare ricorso contro la decisione del giudice sportivo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stese con un pugno l'arbitro, due anni e mezzo di squalifica

TrentoToday è in caricamento