Spray anti-orso in vendita in Trentino: "E' inefficace oltre i 4 metri di distanza"

Il responsabile del servizio faunistico provinciale al Corriere della Sera: "Quello vero, usato in Canada e Slovenia, da noi è proibito"

Il binomio orso-trentino trova ancora spazio nella cronaca nazionale: questa volta il caso è legato allo spray al peperoncino che, secondo il Corriere della Sera (clicca qui) che si è occupato dell'argomento, sarebbe in vendita anche nei negozi di caccia e pesca trentini. C'è un unico problema: è completamente inefficace.

Luca Pedrotti, responsabile del servizio faunistico provinciale, intervistato dal quotidiano spiega che si tratta in realtà di uno spray al peperoncino "normale", di quelli usati per la difesa personale. Il fatto è che lo spray specifico per orsi, disponibile in altri Paesi come Canada e Slovenia, in Italia è proibito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chi dovesse comprare questo presunto spray anti-orso si ritroverebbe dunque tra le mani un prodotto calibrato sugli umani per quanto riguarda la gettata: appena 4 metri, distanza che nessuno probabilmente vorrebbe mai sperimentare a tu per tu con un plantigrado. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Casting a Trento per un nuovo film: si cercano comparse esili o dal 'volto antico'

  • Casa gratis in cambio di volontariato: ecco il bando

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Tensione tra dipendenti e la coordinatrice nella casa di riposo: 'la rossa della val di Rabbi' già travolta da uno scandalo in Trentino

  • Dramma in montagna: manda le foto al marito poi scompare, trovata senza vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento