Spostamenti tra regioni dal 3 giugno: ok del Governo, forse anche per i confini nazionali

La curva del contagio è sotto controllo, la conferma arriva dal ministro della Sanità

Spostamenti tra regioni riaperti da mercoledì 3 giugno, e si parla della stessa data anche per i confini europei. La conferma arriva dal Governo, in particolare dal ministro della Sanità Speranza, sulla scorta del monitoraggio del contagio. Dati confortanti: "Il Decreto legge vigente prevede dal 3 spostamenti infraregionali. Al momento non ci sono ragioni per rivedere la programmata riapertura degli spostamenti - spiega Speranza - monitoreremo ancora nelle prossime ore l'andamento della curva". In Trentinio, sabato 30 maggio, si è registrato il terzo giorno senza decessi. 

Non ci sarà bisogno di un altro Dpcm del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, semplicemente il precedente decreto decadrà alla data prevista e non saranno prorogate le norme che hanno bloccato l'Italia per tre mesi. Il 3 giugno segnerà, di fatto, il via libera alle vacanze ma nelle regioni del centro-sud resta alta la preoccupazione che gli spostamenti dal Nord Italia possano provocare una nuova emergenza. La decisione non piace ad alcune regioni, in prima fila c'è sempre il governatore della Campania, Vincenzo De Luca: "È del tutto ragionevole che un territorio con un altissimo numero di contagiati debba avere delle limitazioni alla mobilità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso della riunione di governo di venerdì sera a Palazzo Chigi è stata confermata anche la data del 3 giugno anche per l'apertura dei confini nazionali ai paesi europei. Per i paesi extra Ue resta per il momento confermata quella del 15 giugno. Sulla riapertura del Brennero la partita si gioca con Vienna, che per ora ha garantito solamente un "corridoio" per i turisti tedeschi e svizzeri verso l'Italia, permettendo di spostarsi sul suolo austriaco senza fare soste. Al tempo stesso la riapertura della Lombardia, con le mete turistiche sul Garda molto frequentate dai turisti d'Oltralpe, spaventa ancora il governo austriaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rubano l'acqua del Comune per le fragole ma prosciugano l'acquedotto: danno da 220.000 euro

  • Valfloriana: auto e moto a fuoco dopo lo schianto, una persona ha perso la vita

  • Covid, picco di contagi in Trentino: 76 nelle ultime 24 ore

  • Valfloriana, incidente mortale: motociclista muore carbonizzato

  • Coronavirus: 32 nuovi casi, ci sono altri 3 contagiati nelle scuole

  • Studente positivo asintomatico: isolati compagni di classe ed insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento