Divieto per sport di squadra ma loro si trovano a giocare: 29 calciatori e pallavolisti multati

L'accaduto a Bolzano. A sanzionarli i carabinieri

Ventinove tra pallavolisti e calciatori sono stati multati perché contravvenendo ai divieti dela Fase 2 dell'emergenza coronavirus si erano dati appuntamento per una partita. È successo a Bolzano, dove i carabinieri sono intervenuti su segnalazione degli abitanti del posto per interrompere i giochi.

Per una delle due partite tra amici, di cui alcuni minorenni, i partecipanti erano addirittura attrezzati con maglie di colori diverse per le due squadre. Lo si legge in una nota dei militari, che si dicono dispiaciuti per le multe ma sottolineando che "contendersi una palla marcandosi stretti e col fiatone può essere una pericolosissima condotta contagiosa".

Sempre a Bolzano i militari hanno multato anche altri nove minori per assembramenti con musica e schiamazzi e per urla e risate in piena notte nel cortile di una scuola. Un 20enne invece è stato doppiamente sanzionato perché ha insultato un uomo dopo che quest'ultimo gli ha fatto notare che avrebbe dovuto coprirsi naso e bocca. È andato a vuoto, invece, l'intervento per un presunto assembramento intorno al barbecue, dopo la chiamata di un vicino: i presenti erano tutti familiari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

Torna su
TrentoToday è in caricamento