L'albero di Natale trentino a Roma si chiama "Spelacchio". Il tecnico forestale: "Non era così quando è partito"

Il tecnico forestale della Val di Fiemme a RadioUno: "Non era così quando è partito da qui". Ormai il povero albero di Natale di Roma è diventato un'icona nazionale

"Spelacchio" non era affatto tale quando è partito dai boschi della Val di Fiemme, la colpa è del Comune di Roma che lo ha "sfrondato" mettendo gli addobbi. A scrivere l'ultimo capitolo, finora, della vicenda dell'albero più chiacchierato d'Italia è Ilario Cavanda, tecnico forestale trentino, che, intervistato da RadioUno ha dichiarato: "vi posso garantire che l'albero era in perfette condizioni. Sono diversi anni che forniamo uno o due alberi di Natale a Roma, e vista l'importanza della città, forniamo sempre alberi in perfette condizioni, ve lo garantisco".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spelacchio, Roma rimuove l'albero di  Natale: "E' tecnicamente morto" CLICCA QUI

L'immagine, verde e selvaggia, del Trentino è dunque salva. La  colpa semmai, sarebbe del Comune di Roma: "Gestire un albero di queste dimensioni è difficile, la fase di allestimento è molto delicata". Una vicenda, diventata un caso nazionale, non priva di risvolti ironici: c'è perfino chi, come Valeria Montebello su Linkiesta.it (clicca qui) vede nel povero Spelacchio lo specchio del paese, lo spirito del Natale, una post-moderna e irridente opera d'arte.
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento