menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riva del Garda: quattro persone denunciate per spaccio di banconote false

In tutto sono state recuperate una decina di banconote, tutte con gli stessi numeri di serie, difficilmente individuabili a vista in quanto ben realizzate e pertanto riconoscibili utilizzando sistemi di controllo in uso a tanti commercianti

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Riva del Garda, hanno denunciato in stato di libertà quattro persone per spendita di monete falsificate. Le indagini hanno avuto inizio il 30 novembre, quando, nel corso della festa di S.Andrea, erano state segnalate alcune persone che spendevano banconote false. Appena intervenuti, i militari sono riusciti a recuperare alcune banconote, del vecchio tipo da 50 euro, dai commercianti “truffati” e subito dopo, grazie alle indicazioni di questi, insieme alla Polizia Locale, a individuare due donne. È seguendo le tracce lasciate dalle donne, due brasiliane 35enni, con passaporto spagnolo e a Riva come prostitute, che i militari sono giunti ad altri due complici, un’altra cittadina brasiliana e in particolare un cittadino italiano, siciliano di nascita, rivano di residenza, 44enne pregiudicato, che dalle indagini è risultato il detentore delle banconote che consegnava alle donne per lo spaccio nei negozi della città. In tutto sono state recuperate una decina di banconote, tutte con gli stessi numeri di serie, difficilmente individuabili a vista in quanto ben realizzate e pertanto riconoscibili utilizzando sistemi di controllo in uso a tanti commercianti. Le banconote sinora acquisite sono state poste sotto sequestro e inviate presso gli uffici della Banca D’Italia del capoluogo Trentino per gli accertamenti di competenza. Le quattro persone al termine degli accertamenti sono state denunciate in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Rovereto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento