menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sottopasso a San Cristoforo: si aspetta da anni, Zeni (PD) interroga

Residenti e turisti sono cosretti ad attraversare la Valsugana a piedi mettendosi in una situazione pericolosa oltre che vietata. L'opera, richiesta dalla popolazione e dal Comune di Pergine, è oggetto di stanziamento provinciale dal 2011 ma ad oggi non si sa nulla

Un'opera chiesta da anni dalla popolazione e inserita nel 2011 nella programmazione provinciale ma del sottopasso della statale 47 della Valsugana a San Cristoforo non si sa ancora nulla. La statale divide infatti il lago, coni relativi percorsi ciclo-pedonali, dalla frazione di Rastel, isolando completamente le abitazioni della zona "Paludi" e costringendo residenti e turisti a lanciarsi in pericolosi, e vietati, attraversamenti a piedi. La richiesta di costruire un sottopasso pedonale era partita con una sottoscrizione popolare ed è stata poi sostenuta dal Comune di Pergine. Ora il consigliere del PD Luca zeni ha depositato un'interrogazione per chiedere alla Provincia la ragione del ritardo nell'esecuzione dei lavori dato che l'opera è oggetto di appositi stanziamenti. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento