rotate-mobile
Cronaca Centro storico / Piazza Dante

Lavoratori pubblici "Sorvegliati speciali". Soste al bar o a casa, Fenalt: "Non siano gli onesti a pagare per qualche furbo"

Lavoratori pubblici "sorvegliati speciali": lo comunica il sindacato Fenalt il quale consiglia ai dipendenti pubblici di segnare  dettagliatamente in agenda gli spostamenti effettuati in  orario di lavoro con relative motivazioni. 

"Succede che qualche lavoratore segnalato viene attentamente monitorato e, al termine delle indagini, se ci sono comportamenti poco chiari o evidentemente fraudolenti,  viene accusato e rinviato a giudizio - si legge in una nota del sindacato -. Ci si può trovare quindi di colpo chiamati a giustificare le fermate effettuate in un luogo che almeno apparentemente non c’entra nulla con la nostra missione: questo è accaduto in Trentino recentemente".

Il riferimento è a soste che apparentemente, possono sembrare fuori luogo, ad esempio ttrattenersi prolungatamente in un bar al termine di un appuntamento di lavoro, oppure passare a cas, quando si è di strada, a prendere qualcosa. "Che non siano gli onesti a pagare per i furboni che ci danneggiano tutti" conclude il sindacato. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori pubblici "Sorvegliati speciali". Soste al bar o a casa, Fenalt: "Non siano gli onesti a pagare per qualche furbo"

TrentoToday è in caricamento