menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto via facebook: Fat.One crew

foto via facebook: Fat.One crew

Skatepark, serve manutenzione. I ragazzi: "Ce ne occupiamo noi"

"Lo skatepark di Trento è morto nel 2015" dicono i ragazzi della crew Fat.One, e lanciano un progetto per farlo rinascere. L'idea ha visto un boom di adesioni sulla piattaforma del Comune, Trento Futura, che permette di aggirare l'obbligo di avviso pubblico per la gestione. La soluzione però non è semplice

Skatepark lasciato a se stesso: la denuncia viene dai ragazzi chee frequentano la pista da skate e bike, e sempre  da loro viene anche la soluzione, o quantomeno una proposta. Grazie alla piattaforma Trento Futura il collettivo, informale, Fat.One Bmx Crew ha potuto inserire la richiesta di gestione dello spazio nell'agenda delle politiche giovanili comunali. In soli due giorni c'è stato un vero e proprio boom di adesioni fino ad arrivare a 120 ragazzi e ragazze iscritti alla proposta di progetto (non basta un "mi piace" ma occorre registrarsi lasciando nome e cognome).

"E' certamente un grande risultato - commenta Tiziana Pradel delle politiche giovanili del Comune - eravamo  già in contatto con i ragazzi, che ci hanno  anche  presentato un progetto tecnico per il parco, ora è stato richiesto un incontro  con il seervizio parchi e giardini e sicuramente l'idea sarà valutata". Lo skatepark è stato  realizzato una  decna d'anni fa, le strutture vanno rinnovate, i ragazzi parlano di abbandono e degrado, ed offrono le loro competenze tecniche per progettare un nuovo parco.

Sembra semplice ma non lo è: skaters e bikers non sono un soggetto giuridico, ed anche se lo fossero i problemi di sicurezza (in questo tipo di sport gli infortuni grandi e piccoli sono all'ordine del giorno) rimangono. Una soluzione potrebbe essere quella di recintare il parco per consentire l'accesso agli associati, oppure di affiggere cartelli che avvertano di evventuali rischi. Tutte le soluzioni sono in fase di studio; resta l'entusiasmo dei ragazzi, restano trenta giorni, da parte del Comune, per accogliere la proposta, nella  speranza che tanta buona volontà trovi il modo per concretizzarsi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento