Cronaca Oltrefersina / Viale Verona

Polizia Postale, in Trentino guerra ai crimini informatici

E' stato sottoscritto oggi un accordo specifico con FBK, A22, Informatica Trentina, Trentino Network e Cooperazione

E' stato sottoscritto oggi l'accordo di collaborazione con la Polizia Postale che coinvolge Informatica Trentina, Trentino Network, Fondazione Bruno Kessler, Autobrennero e Federazione Trentina della Cooperazione contro i cosiddetti cybercrime, reati compiuti attraverso internet, social network, e più in generale nel mondo delle comunicaizoni. 

I soggetti coinvolti svolgeranno a vario titolo attività di prevenzione, informazione, ricerca e contrasto a fenomeni quali truffe, frodi informatiche, furto di dati, stalking, cyberbullismo. Reati che, stando all'allarme lanciato dal compartimento di Polizia Postale di Trento, sono in netto aumento anche in Trentino. 

L'accordo è frutto di una più ampia riorganizzazione del Dipartimento di Pubblica Sicurezza sul tema dei crimini elettronici e  della sicurezza nei sistemi telematici, operata a livello nazionale con la creazione del Centro nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche (CNAIPIC). 

“In un’epoca altamente digitalizzata - ha detto il Questore Massimo D'Ambrosio - nella quale l’uso delle risorse che la rete internet mette a disposizione diventano insostituibili e le distanze fisiche si assottigliano in maniera radicale ritengo che la cybersecurity sia una nuova frontiera in tema di sicurezza. La Polizia di Stato sta investendo importanti risorse per formare professionalità capaci di dare una risposta concreta ed efficace a quanto stabilito in ambito europeo per la prevenzione dai rischi di attacchi informatici”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia Postale, in Trentino guerra ai crimini informatici

TrentoToday è in caricamento