Sgomberate le baracche abusive a Trento nord. Anche un caso di Tbc

Questa mattina all'alba gli agenti e il personale dei Servizi sociali e dell'Azienda sanitaria sono intervenuti nell'area ex Sloi, a Trento nord, e in via Al Desert, vicino alla caserma Damiano Chiesa. Tra gli occupanti, un caso di Tbc

Questa mattina all'alba gli agenti e il personale dei Servizi sociali e dell'Azienda sanitaria sono intervenuti nell'area ex Sloi, a Trento nord, e in via Al Desert, vicino alla caserma Damiano Chiesa. L'operazione è stata resa necessaria dalla criticità della situazione sanitaria presente nei due accampamenti, ed in particolare, da un caso di Tbc tra alcuni degli occupanti. Tutto si è svolto senza clamore e, cosa che più conta, con la necessaria e opportuna attenzione nel rispetto delle persone presenti e della delicatezza e complessità della situazione. Sono state identificate quaranta persone, quindici donne e venticinque uomini. Nove persone sono state accompagnate all'ospedale Santa Chiara per gli accertamenti del caso che hanno, comunque, dato risultati rassicuranti: per un unico soggetto si è reso necessario un ulteriore approfondimento clinico. Per tutti, inoltre, è stata realizzata una campagna informativa sui rischi sanitari con la collaborazione di una mediatrice culturale. La decisione di intervenire è legata alla costante azione di monitoraggio svolta a tutela della salute sia delle persone che attualmente vivono in queste aree sia del resto della cittadinanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Purtroppo il problema degli accampamenti abusivi e della situazione di degrado che si determina al loro interno, per la sua complessità e per la mutevolezza dei numeri, non è facilmente risolvibile in maniera definitiva. Le persone che occupano questi accampamenti spesso si fermano per un intervallo di tempo limitato per poi lasciare il posto a nuovi occupanti ed è, dunque, complesso coinvolgerli anche in progetti di integrazione sociale. C'è dunque la consapevolezza che non è con il semplice allontanamento che si argina la situazione. L'Amministrazione comunale ha comunque il dovere di assicurare il governo del territorio e tutelare la salute pubblica, anche di concerto con le altre istituzioni coinvolte, forze dell'ordine e Azienda sanitaria", spiega il Comune in una nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Barche e canoe non reclamate sul lago: il Comune di Levico mette tutto all'asta

  • Il Giro d'Italia 2020 arriva in Trentino: ecco le tappe

  • Coronavirus in Trentino: nuovo picco di contagi, 79 classi in quarantena e due pazienti in rianimazione

  • Il Comune ha deciso: niente Mercatini di Natale

  • Giro d'Italia a Trento: ecco quando e dove, attenzione alle strade chiuse

  • Fuga da Trento: questa volta la escape room è grande come tutto il centro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento