menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Aldeno, sfruttano i connazionali e li trattano come sudditi: denunciate due persone

La situazione era arrivata all’attenzione dei militari da qualche giorno e sono stati avviati i controlli nelle campagne locali

Sono stati denunciati a dai carabinieri della Compagnia di Rovereto, a febbraio, i due uomini di origine pakistana che hanno approfittato della condizione di difficoltà e vulnerabilità di alcuni loro connazionali. La situazione era arrivata all’attenzione dei militari della stazione di Aldeno da qualche giorno che hanno avviato i controlli nelle campagne locali, considerando che anche lì stesse affacciandosi l’odioso fenomeno del caporalato. Sono molti, infatti, tra gli agricoltori locali quelli che si avvalgono di manodopera straniera, prevalentemente pakistana e nella maggiore parte dei casi, con regolari contratti di lavoro che garantiscono le tutele e i diritti previsti per i lavoratori agricoli.

La collaborazione tra la locale stazione dei carabinieri e la comunità pakistana del territorio ha fatto emergere una brutta storia di sfruttamento, che ha visto due cittadini pakistani, residenti nel comune di Aldeno, denunciati per avere verosimilmente approfittato delle difficoltà linguistiche di una decina di connazionali, cui oltre a sub-affittare la loro abitazione a prezzi esorbitanti, sottraevano ingenti somme, sotto la minaccia di fare perdere il posto di lavoro, unica e preziosa fonte di reddito, attraverso cui sostentare i familiari, rimasti nella terra d’origine. Fra l’altro le richieste di denaro erano rafforzate da minacce e percosse, determinando nelle vittime una vera e propria condizione di sudditanza.

I riscontri raccolti dai carabinieri di Aldeno hanno consentito di consegnare alla giustizia un 40enne,  H.M. e un 34enne, H.M.A., entrambi pregiudicati, per i reati di truffa ed estorsione. L’ottimo rapporto fiduciario intessuto con i membri della comunità pakistana di Aldeno è alla base di questo importante risultato, che vede tutelato il mondo del lavoro e della produzione e contrasta una deplorevole attività criminale, basata sullo sfruttamento di persone in condizioni di evidente vulnerabilità e premessa a dinamiche pericolosissime per il tessuto sociale e imprenditoriale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Due nuovi vaccini anti-Covid in arrivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento