menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sfregiò la moglie con l'acido: preso, verrà estradato dal Belgio

Accusato di avere rapito, violentato e sfregiato la moglie trentina quattro anni fa verrà consegnato alle autorità italiane dopo le cure mediche: ha cercato di tagliarsi i polsi in aeroporto per impedire l'estradizione

Verrà estradato dal Belgio Youssef Merzak, cittadino marocchino di 29 anni, su cui pende una pena complessiva di 27 anni e 9 mesi di reclusione per condanne cumulative emesse dal Tribunale di Trento. E' accusato fra l'altro di avere rapito, violentato e sfregiato con l'acido la moglie trentina quattro anni fa. Poi era fuggito, facendo perdere le sue tracce.

L'uomo, prima di partire in aereo per l'Italia ed essere consegnato alla polizia italiana, ha però compiuto un gesto di autolesionismo, tagliandosi i polsi, si apprende in questura a Trento. Per il suo arrivo in Italia bisognerà quindi attendere che sia medicato e dimesso dall'ospedale.
 
Quattro anni fa, la giovane trentina, residente nella zona sud della città, dolorante e in stato di choc, era stata trovata da un automobilista durante una fredda notte di novembre in una stradina vicina alla statale della Valsugana, a Cirè di Pergine, a pochi chilometri da Trento. Erano da poco passate le due del mattino e la giovane era stata vista mentre vagava lungo la strada: aveva mani e volto tumefatti e non riusciva a spiegare cosa le fosse accaduto. 
 
Secondo la ricostruzione dei fatti, l'aggressione (probabilmente premeditata) era avvenuta proprio al Cirè, nei pressi del distributore dell'Agip, dove l'uomo aveva portato la moglie e le aveva usato violenza. Dopo i primi soccorsi al Santa Chiara, era stata trasferita d'urgenza al reparto grandi ustionati di Verona, dove venne ricoverata in prognosi riservata.
 
Il marito, che era già noto alle forze dell'ordine per alcuni precedenti per reati contro patrimonio e per droga, era latitante già dal novembre del 2007. Da quel momento, gli diedero la caccia anche per le gravi lesioni causate alla donna. Ora l'epilogo della vicenda.
 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Servizi bar e ristorazione all’aperto: tutte le indicazioni

social

Offerte di lavoro: in Trentino si cercano marinai

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Sanità, gli ospedali di Borgo e Tione liberi dal Covid

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus: 4 decessi e +85 nuovi contagi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento