Cronaca

Trento, sequestrati oltre quattro quintali di speck, prosciutti e bresaola

L'operazione dei carabinieri dopo controlli nel settore dei prodotti a denominazione e indicazione di origine protetta, presso alcune ditte di produzione e vendita

Immagine repertorio

In provincia di Trento sono stati sequestrati circa 422 chili di prodotti carnei - speck, prosciutti, bresaola, lardo e guanciale - per carenza di rintracciabilità. L'operazione del nucleo tutela agroalimentare dei carabinieri si è svolta nell'ambito dei controlli a tutela dei consumatori e degli operatori del comparto. Sotto sequestro, sempre a Trento, anche 56 tranci di prosciutto di Parma non conformi e 34 confezioni di prodotti caseari (Gorgonzola, Trentingrana e Castelmagno) evocanti prodotti a denominazione d’origine.

Alcune ditte di produzione e vendita sono state sottoposte a controlli e in seguito a sequestri anche a Parma, Roma e Salerno. Nel corso dello stesso intervento dei carabinieri è stato anche denunciato per frode in commercio il rappresentante legale di una ditta. In totale sono state sequestrate circa dodici tonnellate di alimenti evocanti marchi Dop e Igp, per un valore commerciale di quasi 100mila euro. Nel complesso sono stati contestati illeciti amministrativi per 34.500 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trento, sequestrati oltre quattro quintali di speck, prosciutti e bresaola

TrentoToday è in caricamento