Cronaca Centro storico / Piazza del Duomo

Tutta Italia è "zona arancione": divieto di spostamento, scuole chiuse fino al 3 aprile

Terzo decreto di Conte, la Penisola "chiusa" per l'emergenza coronavirus

Tutta Italia è "zona arancione" per l'emergenza coronavirus. Anche in Trentino (dove i casi oggi sono 38), dunque, saranno applicate le restrizioni scattate ieri per la Lombardia e le 14 province, che restano comunque "zona rossa". Si tratta principalmente del divieto di spostamento, se non per andare a lavorare, del divieto di assembramento anche all'aperto, della sospensione di tutte le manifestazioni sportive e soprattutto della chiusira delle scuole fino al 3 aprile. Questa la novità del terzo decreto del Governo, presentato alla stampa alle ore 21.30 di lunedì 9 marzo.

Per quanto riguarda il divieto di spostamento rimangono valide le eccezioni motivate dalle ormai famose "comprovate necessità", da specificare in un apposito modulo di autocertificazione scaricabile dal sito del Ministero dell'Interno e da consegnare alle forze dell'ordine ai posti di blocco. Attenzione, però, avverte Conte: chi attesta false ragioni non solo incorre nel reato di inadempienza alle ordinanze della pubblica autorità, ma anche nel reato di falso.  Il dpcm sarà pubblicato sulla Gazzetta questa sera e l'adozione delle misure denominate "io resto a casa" saranno in vigore da domani mattina martedì 10 marzo 2020.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutta Italia è "zona arancione": divieto di spostamento, scuole chiuse fino al 3 aprile

TrentoToday è in caricamento