menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola, la Uil chiede il rinnovo del contratto docenti fermo da 10 anni

"Una cosa è certa: ora cominceremo a mobilitare le persone, ché la pazienza è finita. Nei prossimi giorni gli organismi statutari della Uil scuola delibereranno forme di mobilitazione del personale docente"

"Se non si riuscirà ad avere, in tempi brevissimi, alcune risposte e quindi certezze, sarà necessario programmare forme di mobilitazione". La Uil scuola del Trentino chiede il rinnovo del contratto collettivo provinciale del personale docente, fermo da dieci anni. In fase di contrattazione in Apran, la Uil scuola, spiega in una nota il segretario Pietro Di Fiore, "ha imposto, all’ordine del giorno dei lavori, la riscrittura delle norme contrattuali così come la inderogabile programmazione annuale degli impegni. Ne va della vita delle persone". 

"Una cosa è certa: ora cominceremo a mobilitare le persone, ché la pazienza è finita. I docenti hanno diritto al rinnovo contrattuale - scrive Di Fiore - Abbiamo più volte scritto in questo ultimo mese come, in mancanza di risposte chiare alle nostre richieste, avremmo calendarizzato forme di protesta e di agitazione. Nei prossimi giorni gli organismi statutari della Uil scuola delibereranno forme di mobilitazione del personale docente".

Il sindacato ribadisce alcuni punti ritenuti irrinunciabili, come riconoscere il ruolo fondamentale del Collegio dei docenti nella programmazione didattica, ripristinare la separazione tra le norme nazionali e quelle provinciali nelle attività funzionali all’insegnamento e in quelle di potenziamento formativo, inserire l’orario di lavoro e criteri inerenti le prestazioni in regime di flessibilità nella contrattazione decentrata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento