rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Trasporti

Domenica sciopero dei treni sulla tratta Verona-Brennero

Alla base della protesta, spiegano i sindacati, ci sono la carenze d’organico e i problemi organizzativi

Domenica 24 luglio il personale viaggiante di Trenitalia, in Trentino e Alto Adige, incrocia le braccia per l’intera giornata. Lo sciopero è stato indetto unitariamente, a livello regionale, da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ferrovieri, Fast, Adgb e Orsa al termine dell’ennesimo incontro azienda-sindacati conclusosi con un nulla di fatto. Lo sciopero riguarda macchinisti e capitreno, dalle 2 domenica 24 lugio alle 1 del 25.

In riferimento alla protesta le principali soppressioni di corse o ritardi riguarderanno le tratte Brennero-Verona, Bolzano-Merano,Fortezza-S.Candido e della linea Valsugana per i servizio regionale effettuato da Trenitalia se pur con ulteriori possibili ripercussioni.

Tra le maggiori criticità evidenziate dalle sigle sindacali ci sono: la carenza di organico sia sul personale viaggiante sia di macchina. Per le segreterie regionali, infatti, i dati forniti da Trenitalia su un differenziale positivo tra pensionamenti e assunzioni è una rappresentazione parziale del problema.

"La nostra analisi - spiegano - non si è mai limitata solo alle fuoriuscite per i pensionamenti, ma ad un quadro più ampio (utilizzazione facenti funzione e comunque in altri ruoli, cambi profili professionali, inidoneità temporanee) che è necessario considerare".

Restano irrisolti anche i problemi sulla turnistica e non ha trovato ancora risposte adeguate la questione di garantire adeguati livelli di sicurezza per i lavoratori e le lavoratrici. “Le soluzioni proposte da Trenitalia non risolvono le criticità nel breve periodo e mancano allo stato attuale impegni precisi e dettagliati per il futuro. Per questa ragione, pur comprendendo il disagio che potrà avere l'utenza in questa fase, nell'intento di addivenire ad un servizio di trasporto migliore per noi tutti, non ci sono alternative allo sciopero".

Servizi minimi garantiti in caso di sciopero

Nelle giornate di sciopero Trenitalia assicura servizi minimi di trasporto, riportati di seguito,  predisposti a seguito di accordi con le Organizzazioni sindacali, ritenuti idonei dalla Commissione di Garanzia per l'attuazione della Legge 146/1990.

Poiché in corso di sciopero si potrebbero verificare variazioni non preventivabili (es.: modifica di itinerario per i treni a lunga percorrenza), è importante prestare la massima attenzione ai comunicati diffusi nelle stazioni e dagli organi d'informazione.

I treni che si trovano in viaggio a sciopero iniziato arrivano comunque alla destinazione finale se è raggiungibile entro un'ora dall'inizio dell'agitazione sindacale; trascorso tale periodo, i treni possono fermarsi in stazioni precedenti la destinazione finale. Maggiori notizie sono reperibili sul sito dedicato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Domenica sciopero dei treni sulla tratta Verona-Brennero

TrentoToday è in caricamento