Cronaca Centro storico / Vicolo della Sat

SAT in assemblea oggi: si parlerà di sentieri e mountain bike, orsi e rifugi senz'acqua

Sbloccata la pratica sul rifugio Tonini: "Non c'è stato dolo nè colpa". Il tema del rifornimento idrico "andrà affrontato per tempo per non rischiare il black out già a ferragosto"

Il futuro dei rifugi, e quello dei sentieri sempre più da condividere con le mountain bike, ma anche il futuro delle risorseidriche in Trentino e l'allarme siccità che sta preoccupando non solo per le conseguene sull'agricoltura, ma anche sulla natura e sul paesaggio. Questi i temi che occuperanno l'assemblea annuale  della Sat, convocata oggi, sabato 29 aprile, al Teatro Valle dei Laghi di Vezzano. 

I rifugi quest’anno hanno riservato non poche novità in termini di avvicendamenti nelle gestioni, al rifugio Antermoia e all’Altissimo. Ci sono lavori da ultimare come allo Stivo, fermi quelli per il rifugio Tonini, distrutto da un'incendio. “Nel caso dello Stivo – sottolinea il presidente Claudio Bassetti nella sua relazione - abbiamo trovato istituzioni, sia quella provinciale che in particolare quella rappresentata dalla giunta di Arco una determinazione che ha consentito di chiudere le pratiche necessarie e trovare i finanziamenti in tempi assai rapidi".

Ancora sospeso il futuro del Tonini, come avevamo  riferito in questo  articolo, ma la novità è che la Procura ha accertato  definitivamente l'assenza di copa o dolo. Spiega Bassetti: "Nel caso del Tonini, allo stato attuale, possiamo dire con certezza che le perizie ufficiali hanno escluso sia il dolo che la colpa, attribuendo il devastante incendio ad una somma di casualità. Il che significa poter contare su un significativo rimborso assicurativo e dare l'avvio alla fase di progettazione e successivamente a quella autorizzativa, alla fase di ricerca dei finanziamenti necessari a coprire l'intervento in toto. Le 100 domande per la gestione l’Antermoia e le 60 per l'Altissimo testimoniano come la montagna venga vista come opportunità economica, come ambiente di lavoro e passione, come luogo intenso di vita, di incontro, di scambio. Una considerazione che rivolgiamo alla classe politica, perché possa leggere dentro questo interesse un terreno sul quale investire in modo concreto, efficace, reale".

Per quanto riguarda le mountain bike sui sentieri di competenza Sat il presidente ha sottolineato come intorno al lago di Tovel siano stati realizzati "percorsi inseriti a fora, in zona orso, contro il nostro parere e quello dei tecnici, dove anni fa cancellavamo alcuni sentieri proprio per non interferire con gli ultimi plantigradi".

All'assemblea si parlerà, come detto, anche di risorse idriche: "vediamo con grande preoccupazione il profilarsi della stagione estiva ed il fabbisogno idrico dei nostri rifugi. Il tema andrà affrontato per tempo per non rischiare il black out già a ferragosto. Tecnicamente si interviene con grandi cisterne che vanno interrate e riempite quando possibile; ma il problema ha caratteri anche culturali. Quali richieste sono sostenibili? Quali offerte sono ancora proponibili? Come avviare una campagna di sensibilizzazione vero le persone?"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

SAT in assemblea oggi: si parlerà di sentieri e mountain bike, orsi e rifugi senz'acqua

TrentoToday è in caricamento