Si danno appuntamento a Sardagna, con uno spinello: denunciati

Dal cembrano che va a fare il pieno a Trento alla coppia lombarda che prenota un BnB a Riva del Garda: tutti i denunciati per l'emergenza coronavirus

Il panorama da Sardagna

"Nonostante tutti gli avvisi, tutte le raccomandazioni, ancora si incontrano persone, non sempre ragazzi a dire il vero, che non vogliono accettare la situazione delicata che stiamo vivendo". Così iò Comando provinciale dei Carabinieri di Trento commenta alcuni casi in cui si sono imbattuti i militari, impegnati a far rispettare l'osservanza del decreto sull'emergenza coronavirus. Dai ragazzi, residenti fuori Trento, che si sono dati appuntamento a Sardagna, perdipiù con uno spinello, fino a cembrano che per fare un pieno di benzina, così ha detto, è dovuto andare fino al capoluogo.

Trento: in 7 in un ristorante chiuso, denunciati

Il totale delle denunce effettuate dall'Arma nelle ultime 24 ore è di 11 in tutto il territorio provinciale, che si vanno a sommare alle 15 della Polizia di Stato. In particolare i Commissariato di Riva del Garda ha scoperto una coppia lombarda che aveva preso in affitto per il weekend un appartamento, tramite un noto sito iternet, nella cittadina gardesana. I due sono stati denunciati. Tanti gli stranieri fermati, che non hanno saputo fornire una valida ragione per essere in giro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In queste ore - commenta il vice Questore Salvatore Ascione - causa anche il bel tempo registriamo ancora cittadini che incuranti dell'interesse generale e della salute pubblica, con le motivazioni più varie, violano i divieti imposti dalla normativa. La Polizia di Stato, pur non rinunciando alla sua vocazione di prossimità e servizio, eserciterà in modo fermo i compiti assegnatigli dalla legge per la tutela di tutta la collettività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Aquila uccisa nel suo nido, muoiono anche i piccoli: chiesta un'indagine

Torna su
TrentoToday è in caricamento