menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dalla tossicodipendenza ad una nuova vita grazie alla pet teraphy

I giovani di San Patrignano svolgono interventi assistiti con gli animali nei centri per disabili di Anffas Trentino onlus, nell'azienda sanitaria di Verona, con gli studenti, con i ragazzi autistici e con quelli che hanno un ritardo mentale

Marius è un ragazzo di origine romena che faceva uso di sostanze stupefacenti. Quando ha deciso di smettere, si è rivolto alla comunità di recupero San Patrignano, dove ha iniziato a seguire dei corsi di pet therapy: a salvarlo dalla dipendenza è stata proprio la terapia con gli animali che lo ha spinto a prendersi di nuovo cura di sè. Oggi Marius ha aperto un negozio di toelettatura e svolge la professione di coadiutore di cani nelle case di riposo e nei centri che ospitano pazienti con disabilità. Come lui un centinaio di ragazzi ha cominciato una nuova vita grazie al progetto "Cani da vita". Racconta Aroldo Linari, responsabile dell'iniziativa: "Trent'anni fa abbiamo capito che la cura degli animali può responsabilizzare le persone. Il primo passo è stato aprire un canile all'interno della nostra struttura, poi nel 1995 sono partiti i corsi di formazione per chi voleva lavorare in questo settore". 

Da allora nei due centri di Trento e Verona sono state svolte 40.000 ore di pet therapy con 23 cani, 14 conduttori cinofili, un pedagogista e due educatori. I giovani, una volta terminato il percorso, svolgono interventi assistiti con gli animali nei centri per disabili di Anffas Trentino onlus, nell'azienda sanitaria di Verona, con gli studenti, con i ragazzi autistici e con quelli che hanno un ritardo mentale. "I nostri ragazzi diventano operatori professionisti a tutti gli effetti", afferma Linari. Si apre in questo modo per loro un nuovo futuro lavorativo. "L'ex tossicodipendente quando entra in comunità è sfiduciato, diffidente, porta con sè i segni di una vita ai margini. Deve rieducarsi per iniziare una nuova esistenza da uomo libero. Curare un animale è un ottimo metodo per riacquistare fiducia in se stesso, per capire che la vita va preservata in ogni sua forma e non sprecata". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Bollettino coronavirus: 4 decessi, oltre 300 nuovi casi

  • Attualità

    Incendio di Rovereto, circa 30 le persone evacuate e assistite

  • Attualità

    Focolaio San Bartolomeo, in isolamento 242 persone

  • Cronaca

    Infortunio sul lavoro: giovane elitrasportato in ospedale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento