Salta il posto di blocco poi abbandona il furgone e fugge a piedi nelle campagne

Non si è fermato al posto di blocco ed ha accelerato dandosi alla fuga: i carabinieri lo hanno inseguito per qualche chilometri. Braccato, l'uomo si è dato alla fuga a piedi nelle campagne lasciando il veicolo in mezzo alla strada. Si tratta di un fiat fiorino con all'interno attrezzi da lavoro per 20mila euro, proprietà di un'impresa di Trento

Strano episodio quello di cui riferiscono i carabinieri di Cles in un comunicato: la scorsa notte hanno predisposto un posto di blocco, per normali controlli, a Cavizzana sulla SS42. Hanno intimato l'alt ad un veicolo commerciale, un Fiat Fiorino. Il conducente del veicolo ha segnalato con la "freccia" l'intenzione di accostare ma ha agito in tutt'altro modo: accelerando anzichè rallentare si è dato alla fuga. I carabinieri si sono subito dati all'inseguimento e nel giro di qualche chilometro lo hanno raggiunto. Il conducente, vistosi braccato, ha lasciato il veicolo nel bel mezzo della strada scomparendo, a piedi, nelle campagne circostanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il furgoncino è rimasto lì, in mezzo alla strada: i carabinieri hanno provveduto a rimuoverlo, il numero di targa ha condotto i militari dal proprietario, titolare di un'impresa di Trento, residente in Valsugana. L'ipotesi è che sia stato rubato dall'abitazione del titolare: all'interno del fiorino vi erano infatti attrezzi da lavoro per un valore di 20mila euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

Torna su
TrentoToday è in caricamento