rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Droga / Rovereto

Cocaina, eroina e metadone, i carabinieri hanno fermato altri spacciatori: ecco come

Le attività sono state condotte nei parchi cittadini o nelle grandi aree di sosta, senza dimenticare i luoghi di grande passaggio come la stazione ferroviaria

Dalla cocaina, all’eroina, fino al metadone. È quanto sequestrato dai carabinieri della Compagnia di Rovereto a fine settembre, durante la pressante attività di controllo delle ultime settimane. L’attività è volta ad arginare la diffusione di sostanze stupefacenti, quali cocaina e hashish, ha permesso, di segnalare all’autorità giudiziaria due persone per detenzione di sostanze stupefacenti e di segnalarne un’altra all’Autorità amministrativa per detenzione ai fini personali di spaccio.

Le attività sono state condotte nei parchi cittadini o nelle grandi aree di sosta, senza dimenticare i luoghi di grande passaggio come la stazione ferroviaria. Sono stati pertanto sottoposti ad attento controllo e vigilanza le principali zone verdi e parcheggi della Città della Quercia - anche per garantirne una serena fruizione ai cittadini.

Nella serata di mercoledì 28 settembre, nella zona di Borgo Santa Caterina una persona ha attirato l’attenzione degli investigatori con il suo atteggiamento. L’immediato intervento da parte dei militari della pattuglia in turno dell’Aliquota Radiomobile ha permesso di bloccarlo.

Il giovane nigeriano, fermato e perquisito, è stato trovato in possesso di 2 dosi di cocaina, dal peso di circa 1 grammo. Durante lo stesso controllo, al giovane è stata sequestrata anche una discreta somma di denaro, in quanto ritenuta provento dell’attività di spaccio.

A distanza di un paio di giorni dal primo intervento i militari dell’aliquota Radiomobile, durante un controllo avvenuto nella zona del piazzale Orsi, davanti alla stazione ferroviaria, hanno individuato una donna che aveva con sé droga e metadone, successivamente è stata segnalata per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

In particolare, la donna è stata notata dai militari dell’Aliquota Radiomobile di Rovereto mentre si aggirava nei locali della stazione ferroviaria, un atteggiamento che ha insospettito i carabinieri.

Fermata, durante le fasi del controllo la donna è stata trovata in possesso di 6 dosi di eroina e di un flacone contenente del metadone. Aveva con sé anche una piccola somma di denaro che è stata sequestrata, perché ritenuta provento di una precedente attività di spaccio.

In entrambi i casi i due soggetti individuati venivano accompagnati in caserma dove, dopo la redazione degli atti di rito, sono stati rilasciati e denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

Durante l’attività preventiva, inoltre, i carabinieri hanno individuato e segnalato al Commissariato del Governo di Trento un giovane del posto, trovato in possesso di circa 1.5 grammi di hashish.

Per gli indagati vige la presunzione di innocenza fino a quando la loro colpevolezza non sarà accertata con sentenza irrevocabile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina, eroina e metadone, i carabinieri hanno fermato altri spacciatori: ecco come

TrentoToday è in caricamento