menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Passo Rolle, addio all'idea "green". Rossi: "Si può fare sull'altro versante"

Un'idea buona sì, ma buona per altre aree come la Panarotta, il Brocon, la Polsa, o magari il versante del Rolle lbero da impianti. Così la Provincia si smarca dalle critiche, ora la palla passa nuovamente a la Sportiva

Il progetto de La Sportiva per il passo Rolle non esce di scena: "può essere fatto sull'altro versante, dove non ci sono impianti" replica il presidente Ugoo Rossi, o magari "sulla Panarotta, ma anche sul Brocon o in Polsa" come ha spiegato l'assessore al Turismo Michele Dallapiccola. La Provincia, insomma, si affretta a togliersi di dosso la responsabilità del duro colpo inferto al progetto dall'acquisto delle quote degli impianti sciistici da parte del consorzio Imprese e Territorio. 

L'idea di Lorenzo Delladio, patron de La Sportiva, azienda di calzature da montagna di Ziano di Fiemme, era quella di acquistare il debito della Sitr,  la società degli impianti sciistici, per creare un'area dedicata alle attività outdoor, dall'arrampicata alla mountain bike, lobera da piste e tralicci. Un'idea che ha creato un acceso dibattito attorno al futuro del paso e più in generale del turismo invernale in un Trentino sempre meno bianco.

"La provincia di Trento non ha mai detto nessun “no” all’idea bella e suggestiva di Lorenzo Delladio. Semmai è lui che, appreso l’esito della decisione della Sitr di vendere le funivie agli impiantisti del Primiero ha detto un “no”, perché forse ritiene che questo fatto sia inconciliabile con la sua idea". Questa la dichiarazione di Ugo Rossi raccolta dal quotidiano online La Voce del Nordest.

In poche parole l'area di San Martino di Castrozza è troppo preziosa per essere destinata solamente a ciaspole e nordic walkig. L'idea è buona, ma più consona ad aree marginali come appunto la Panarotta, il Brocon, la Polsa. La palla passa ora a Delladio che, nell'annunciare la ritirata aveva anche assicurato "anche se le singole azioni possono essere ostacolate, la visione rimane ferma, solida e futuribile". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Palazzo del Diavolo a Trento: ecco la leggenda

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento