menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Autostazione di Levico Terme,  foto: Google

Autostazione di Levico Terme, foto: Google

Rissa con spranghe e coltelli a Levico: cinque feriti, tutti arrestati

Furiosa rissa all'autostazione di Levico nel tardo pomeriggio di ieri, la rapidità e la violenza dello scontro fanno pensare ad un regolamento di conti, sul quale farà maggiore chiarezza un'indagine dei carabinieri che nel frattempo hanno arrestato e denunciato tutte e cinque le persone coinvolte

Il telefono dei carabinieri di Levico ha iniziato a squillare all'impazzata nel tardo pomeriggio di ieri: tante le  telefonate da parte di cittadini che segnalavano una rissa in corso nei pressi della stazione dele corriere. Quando le gazzelle sono arrivate c'erano solamente tre uomini stesi a terra sanguinanti, accanto a spranghe e martelli abbandonati dagli aggressori in fuga. Le ambulanze hanno immediatamente soccorso i feriti mentre i  carabinieri si sono dati alla caccia dei due fuggitivi. Anch'essi sanguinanti, avevano nel frattempo raggiunto il Pronto Soccorso di Trento per farsi curare. Sono stati però raggiunti dai militari ed arrestati, così come gli altri tre, curati all'ospedale di Borgo. Per tutti le accuse sono di agggressione  e lesioni personali.

"Attraverso le deposizioni raccolte nell’immediatezza da testimoni e dagli stessi fermati - spiegano i carabinieri in una nota - si è cercato di ricostruire la dinamica ed anche i motivi che hanno condotto a tale furioso scontro. I due gruppi di persone, un albanese e due macedoni il primo, due romeni il secondo, non sembrano essersi incontrati casualmente: i racconti convergono sul fatto che subito dopo essersi avvicinati, sono passati alle vie di fatto. Sono comparsi da sotto le giacche spranghe,  martelli ed un coltello, poi rinvenuto a terra. La violenza dello scontro, durato nemmeno un minuto, ha fatto pensare al peggio: sono molte le persone che dichiarano che solo grazie all’arrivo tempestivo delle pattuglie dei carabinieri si è potuto evitare il dramma. Resta capire il perché e le indagini in corso, coordinate dalla Procura di Trento, spiegheranno anche questo. Fortunatamente, anche se le prognosi sono molto pesanti, nessuno degli arrestati, al momento, corre pericolo di vita".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Servizi bar e ristorazione all’aperto: tutte le indicazioni

social

Offerte di lavoro: in Trentino si cercano marinai

Attualità

Tutti i canti popolari del Trentino disponibili online

Attualità

Governo al lavoro per il pass: come averlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento