menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riorganizzazione della rete ospedaliera: mammografie solo a Trento e Rovereto

Approvati oggi dalla Giunta provinciale di Trento gli indirizzi per il riordino della rete ospedaliera: giunta divisa, l'Upt vota contro. Non è stato presa alcuna decisione invece in merito alla riorganizzazione dei punti nascita

Approvati oggi dalla Giunta provinciale di Trento, su proposta della assessora alla salute Donata Borgonovo Re, gli indirizzi per il riordino della rete ospedaliera. Due i principi fondamentali: da un lato la riorganizzazione delle strutture ospedaliere punta a garantire pari opportunità di accesso ai servizi sanitari e omogeneità di trattamento per i tutti i cittadini della provincia autonoma di Trento, dall'altro lo sviluppo di servizi territoriali favorendone l'integrazione.
Approvato il progetto pilota per il nuovo screening mammografico in modalità tomosintesi. In particolare è previsto l'acquisto di tre nuovi apparecchi e la centralizzazione della lettura dei referti e la concentrazione dei punti di effettuazione dell'esame nelle sole due sedi di Trento e Rovereto, con esecuzione di tutte le mammografie di primo livello. 

RIORDINO DELLA RETE OSPEDALIERA. Il riordino della rete ospedaliera è improntato anzitutto al principio della partnership ed alla sussidiarietà delle strutture componenti promuovendone l’integrazione e lo sviluppo unitario secondo il modello Hub & Spoke (letteralmente mozzo e raggi); tale modello implica la chiara suddivisione di funzioni, strutture e tipologie di attività svolte dai presidi ospedalieri, che collaborano sulla base di protocolli e percorsi diagnostico-terapeutici e assistenziali condivisi e predefiniti.

Struttura ospedaliera di Trento. È struttura hub della rete con caratteristiche di ospedale di 2° livello. È dotata di 601 posti letto ordinari, 81 DH/DS (day hospital, day surgery), 16 posti letto SPDC (Servizio psichiatrico di diagnosi e cura), 52 posti letto tecnici oltre alle culle per neonato.

Struttura ospedaliera di Rovereto. È struttura hub della rete con caratteristiche di ospedale di 1° livello. È dotata di 280 posti letto ordinari, 49 DH/DS, 22 posti letto tecnici oltre alle culle per neonato.

Struttura ospedaliera di Arco. È una struttura spoke dotata di 85 posti letto ordinari, 16 in DH/DS, 14 posti letto tecnici ed eventuali culle per neonato che possiede i requisiti strutturali ed organizzativi delle strutture di base; serve la popolazione dell’Alto Garda e Ledro per tutte le funzioni di base ed è punto di riferimento provinciale per la funzione di procreazione medicalmente assistita (PMA) e per le attività pneumologiche.

Struttura ospedaliera di Borgo Valsugana. È una struttura spoke dotata di 50 posti letto ordinari, 8 in DH/DS, 16 per SPDC e 17 posti letto tecnici che possiede i requisiti strutturali ed organizzativi delle strutture di base; serve la popolazione della Bassa Valugana e Tesino per tutte le funzioni di base ma deve divenire punto di riferimento provinciale per casistiche elettive e selezionate nel contesto dei Dipartimenti Medico, Chirurgico ed Ortopedico; è punto di riferimento provinciale per l’Odontostomatologia.

Struttura ospedaliera di Cavalese. È una struttura spoke dotata di 62 posti letto ordinari, 9 in DH/DS, 11 posti letto tecnici e le eventuali culle per neonato, che possiede i requisiti strutturali ed organizzativi delle strutture di base; serve la popolazione delle Valli di Fiemme e Fassa per tutte le funzioni di base ma deve divenire punto di riferimento provinciale per casistiche elettive e selezionate nel contesto dei Dipartimenti Medico, Chirurgico ed Ortopedico.

Struttura ospedaliera di Cles. È una struttura dotata di 89 posti letto ordinari, 15 in DS/DS, 19 posti letto tecnici oltre alle culle per neonato che possiede requisiti strutturali ed organizzativi intermedi fra le strutture di base e le strutture di 1° livello; serve la popolazione delle Valli di Non e Sole e dell’area Rotaliana – Paganella integrando la funzione hub dell’Ospedale di Trento per l’area settentrionale della Provincia autonoma di Trento.

Struttura ospedaliera di Tione. È una struttura spoke dotata di 52 posti letto ordinari e 7 in DH/DS, 10 posti letto tecnici oltre alle eventuali culle per neonato che possiede i requisiti strutturali ed organizzativi delle strutture di base. Serve la popolazione delle Valli Giudicarie e Rendena per tutte le funzioni di base ma in prospettiva diverrà punto di riferimento provinciale per definite casistiche elettive e selezionate nel contesto dei Dipartimenti Medico, Chirurgico ed Ortopedico.

Strutture hub: Trento e Rovereto. Assicurano le funzioni ospedaliere di 1° livello per il proprio territorio e di 2° livello in favore dei territori serviti dalle strutture spoke. Posseggono un’organizzazione interna strutturata in modo da garantire la gestione tempestiva ed efficace dell’urgenza h24. Garantiscono le funzioni specialistiche ad elevata complessità/tecnologia. Sono collegati in rete fra loro e con le strutture spoke in senso bidirezionale prevedendo il decentramento di parte della casistica programmata (soprattutto in ambito chirurgico ed ortopedico).

Strutture spoke: Arco, Borgo, Cles, Cavalese, Tione. Sono il punto di riferimento per il proprio territorio per i bisogni di assistenza ospedaliera di 1° livello che non richiedano particolari competenze e/o tecnologie presenti nei centri hub. Assicurano l’attività programmata ed urgente (con l’eccezione dell’attività di sala operatoria notturna e festiva). Realizzano aree ad alta integrazione ospedale-territorio dedicate alla gestione della cronicità/fragilità e dell’urgenza territoriale. Sono collegati in rete fra loro e con le strutture hub in senso bidirezionale sviluppando specifiche competenze multizionali (soprattutto in ambito chirurgico ed ortopedico). La rete ospedaliera opera per macrofunzioni ospedaliere e quindi attraverso le Unità operative a valenza multizonale (U.O.M.) quali strumenti operativi finalizzati al superamento dell’organizzazione articolata per ospedali. Il concetto di multizonalità prevede la presa in carico delle responsabilità ed attività clinico-assistenziali, sia nella sede istituzionale (ove è incardinata la direzione della struttura complessa/U.O.M.) che nella sede operativa, che di fatto resta incardinata nella struttura ospedaliera in cui già opera.

L’articolazione definitiva delle funzioni di Ostetricia-ginecologia e dei relativi punti nascita è rimandata a successivo provvedimento, a conclusione dei progetti sperimentali attualmente in corso riguardanti i servizi di assistenza alla nascita e dopo presentazione e discussione con i Territori.

SCREENING MAMMOGRAFICO. Il Progetto pilota per il nuovo screening mammografico in modalità tomosintesi garantirà una maggior accuratezza delle diagnosi. Con l’utilizzo della tomosintesi mammografica vi sarà da un lato un aumento sia della sensibilità che della specificità del test, poiché si migliora la riconoscibilità delle lesioni neoplastiche, dall’altro una riduzione dei richiami dei falsi positivi. L’introduzione di tale metodica prevede l’acquisizione di tre nuovi apparecchi dotati di tomosintesi, in quanto quelli attualmente in uso risultano obsoleti e di vecchia generazione, nonché una riorganizzazione dell’attuale assetto di erogazione delle prestazioni di screening senologico. In particolare si prevede la centralizzazione della lettura dei referti, operazione peraltro già oggi effettuata solo a Trento, nonché la concentrazione dei punti di effettuazione dell’esame presso le sole due sedi di Trento e Rovereto. Gli apparecchi saranno quindi collocati due presso la sede di Trento e uno presso quella di Rovereto; avranno un’operatività estesa ad una fascia oraria compresa fra le 7.30 del mattino e le 19.30 della sera e in prospettiva anche al sabato, con esecuzione di tutte le mammografie di 1° livello; questo per facilitare l’accesso delle utenti dirottate a Trento dalle attuali sedi di Cavalese, Borgo Valsugana e Cles, e a Rovereto dalle attuali sedi di Tione e Arco. Infine è stato dato mandato all’Azienda provinciale per i servizi sanitari di ridurre i tempi di refertazione, garantendo i 30 giorni dall’esecuzione dell’esame, e di valutare anche l’estensione della popolazione target alla fascia di età 45-74, a partire dal novembre 2015.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento