Cronaca

Incidente Rio-Parigi, rinvio a giudizio per Air France e Aribus: 228 vittime, 3 erano trentini

L'incidente avvenne quasi dodici anni prima di questo rinvio, il 1° giugno 2009, quando il volo AF447 da Rio de Janeiro a Parigi si inabissò nell'Atlantico

Rinvio a giudizio per omicidio colposo plurimo per Air France e Airbus per responsabilità indiretta nell'incidente del volo Rio-Parigi che fece 228 morti nel 2009, tra questi anche tre trentini e tre altoatesini. A dare notizia della decisione della corte d'appello di Parigi è stata Ansa. Una decisione che, come ricostruito dall'Agenzia di stampa, va ad annullare il non luogo a procedere del 2019 del tribunale di primo grado. Una sentenza che era risultata a favore della compagnia e del costruttore.

I trentini che hanno perso la vita nell'incidente, Rino Zandonai, direttore dell'associazione Trentini nel Mondo, Luigi Zortea, sindaco di Canal San Bovo, Giovanni Battista Lenzi, consigliere regionale del Trentino Alto Adige, stavano tornando a casa dopo essere stati in Brasile per progetti solidali promossi dalla onlus trentina. Deceduti in quel frangente anche tre giovani altoatesini: Georg Martiner, brasiliano residente a Bolzano, Alexander Paulitsch e Georg Lercher di San Candido.

L'incidente avvenne quasi dodici anni prima di questo rinvio, il 1° giugno 2009, quando il volo AF447 da Rio de Janeiro a Parigi si inabissò nell'Atlantico. Come ricostruisce Ansa, i piloti non erano riusciti a riprendere il controllo dell'A330 dopo un disorientamento causato da turbolenze.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente Rio-Parigi, rinvio a giudizio per Air France e Aribus: 228 vittime, 3 erano trentini

TrentoToday è in caricamento