Cronaca Rovereto / Via Alessandro Manzoni

Rifiuti, a Rovereto un codice sui sacchi blu per risalire ai furbi

Obiettivo il contenimento dei conferimenti scorretti, che rappresentano circa il 30% del totale con un costo all'anno di circa 80 mila euro

Da inizio 2017 i rifiuti nella Città della Quercia hanno nome e cognome. I nuovi sacchi blu in distribuzione nella sede di Dolomiti Ambiente di via Manzoni o al Crm, riportano un codice identificativo numerico, che permette agli operatori di risalire all'identità di chi ha conferito gli imballaggi leggeri in maniera non corretta.

Si tratta di un'iniziativa unica in Trentino, il cui scopo è creare un deterrente contro i furbi o con chi non effettua correttamente la differenziata.

Attualmente circa il 30 per cento di quel che finisce nei sacchi azzurri, dopo lo smistamento, viene rispedito in discarica con un costo, che viene riversato sulla collettività, di circa 80 mila euro l’anno.

Il comune è fermamente intenzionato ad abbattere questi costi. Chi ancora non possiede la nuova serie di  sacchetti potrà proseguire fino all'esaurimento delle scorte per poi rifornirsi previa presentazione del coupon presso Dolomiti Ambiente o al Crm.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, a Rovereto un codice sui sacchi blu per risalire ai furbi
TrentoToday è in caricamento