Cronaca

Dopo la festa restano i rifiuti. Un lettore: "Il parco Santa Chiara era una m..."

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Michele Dorigatti, cittadino a dir poco indignato per le condizioni in cui - domenica mattina, dopo la notte magica - ha trovato il parco Santa Chiara a Trento

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Michele Dorigatti, cittadino a dir  poco indignato per le condizioni in cui - domenica mattina, dopo la notte magica - ha trovato il parco Santa Chiara a Trento

Stamattina, come ogni sabato e domenica, il parco S. Chiara era -- usiamo le parole corrette -- una merda. Purtroppo non ho fatto una foto, ma c'era immondizia in tutto il parco. Mi riferiscono che la stessa situazione c'era nel parco di Piazza Dante. Essendo il giorno dopo la notte bianca, la situazione era persino peggio del solito.

Oltre al danno estetico, gravissimo in sé, c'è anche il fatto che il parco era pieno di vetri rotti. Questo ovviamente è rischioso per gli utenti, e nega loro il diritto di camminare scalzi. Io sono indignato. Come possiamo accettare come cittadini e amministrazione
comunale lo sfregio dei parchi della città, luoghi molto belli e molto frequentati? Io mi chiedo alcune cose:

(1) Perché l'amministrazione comunale tollera questa situazione? Perché non mandiamo vigili o polizia, di notte, muniti di sacchi dell'immondizia, a spiegare ai giovani viziati che si pulisce quello che si sporca? Partirei così, e dopo un po' di tempo comincerei con le multe!

(2) Come possono tutti i frequentatori del parco semplicemente sdraiarsi e farsi i fatti propri nell'erba, circondati da immondizia? Ma non avete un senso estetico? Io sono arrivato al parco per lavorare, e ho sentito il bisogno personale di tornare a casa, prendere sacchi e guanti, e dare una mano agli addetti alla pulizia del parco. Avevano quasi finito, ho raccolto parecchi cocci di vetro lasciati indietro e un po' di altre cose (anche delle forbici!), ci avrò messo 20 minuti. Nessuno mi ha aiutato. Nessuno ha detto grazie né a me
né agli addetti (loro mi riferiscono che una famiglia ha aiutato a pulire il parco giochi per i bambini). C'erano almeno 50 persone al parco.

Colgo l'occasione per chiedere al Comune di aumentare considerevolmente la capienza dei cestini nei parchi S. Chiara e Piazza Dante, perché sono ridicolmente sottodimensionati rispetto all'uso. Insomma, cittadini di Trento, davvero volete accettare l'immondizia?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo la festa restano i rifiuti. Un lettore: "Il parco Santa Chiara era una m..."
TrentoToday è in caricamento