Valgola: discarica nei boschi, tre mesi dopo è tutto come prima, anzi peggio

foto: Giovanni Gadotti

Un paio di mesi fa vi abbiamo raccontato l'indignazione di un cittadino per lo stato in cui versano i boschi di Valgola, la elvaggia valle  a monte di Ravina attraversata dal rio Gola. Vi abbiamo anche raccontato  della voglia di rimboccarsi le maniche e di fare qualcosa, di pochi volontari che in un sabato mattina hanno ripulito quei boschi da materassi, copertoni, bidoni di vernice ed altro materiale, decisamente fuoriluogo in un bosco oltretutto attraversato da un corso d'acqua.

Ci piacerebbe dire che ora grazie al loro impegno Valgola è tornata ad essere un luogo incontaminato. Purtroppo la  fotografia scattata da quello stesso cittadino ieri parla da sola. Sembra anzi che chiunque abbia scaricato lì quei grossi elettrodomestici lo abbia fatto apposta, come per rinforzare la dose, a ricordare che all'inciviltà non c'è mai limite. I cittadini si chiedono, e chiedono all'amministrazione pubblica, quali siano le modalità di intervento da mettere in atto per evitare simili comportamenti dato che l'impegno ed il buon cuore di qualche residente pronto puntualmente a ripulire la zona sembra non bastare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croce Bianca di Trento piange Silvio Maestrelli: la triste scomparsa del ragazzo

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • La leggenda di Santa Lucia, "collega" di Babbo Natale

  • Krampus "violenti" a Vipiteno? E' una tradizione, ma la fake news fa il giro del web

  • Incidente mortale sulla A22: furgone contro un camion

Torna su
TrentoToday è in caricamento