rotate-mobile
Cronaca Pergine Valsugana

Ex manicomi giudiziari, nella nuova struttura di Pergine ospitati in 7

Due delle persone ospitate a Pergine sono sottoposte a misure definitive, mentre le altre cinque a misure cautelari. Mezzo milione di euro la spesa sostenuta dal Servizio sanitario provinciale per l'adattamento della struttura

Al momento sono 7 le persone, di cui una donna e sei uomini, ospitate all'interno della Residenza per l'esecuzione delle misure di sicurezza (Rems) di Pergine, in Valsugana, che nell'idea del legislatore sostituisce gli ospedali psichiatrici giudiziar. Due delle persone ospitate a Pergine sono sottoposte a misure definitive, mentre le altre cinque a misure cautelari. Mezzo milione di euro la spesa sostenuta dal Servizio sanitario provinciale per l'adattamento della struttura: 14 assunzioni effettuate tra oss, infermieri e un medico. Presente anche una guardia non armata. La struttura, operativa dal 1° luglio, è stata visitata da una delegazione dell'associazione Cittadinanzattiva, in occasione dei 35 anni del Tribunale per i diritti del malato.

"Per la tranquillità di qualcuno si inseriscono nelle Rems persone che dovrebbero essere prese in carico altrove, ossia presso i servizi di salute mentale territoriali attraverso progetti terapeutici individuali. Assistiamo in alcuni casi ad una vero e proprio utilizzo inappropriato delle Rems, con il rischio nei fatti di riproporre i vecchi manicomi, questo è inaccettabile e deve essere scongiurato con l'impegno di tutti. In questo senso una maggiore sinergia tra gli enti del servizio sanitario preposti e la magistratura è un elemento essenziale", ha affermato Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex manicomi giudiziari, nella nuova struttura di Pergine ospitati in 7

TrentoToday è in caricamento